Ripartono le prenotazioni per i caregiver, vaccini anti covid anche di notte

 
Chiama o scrivi in redazione


Ripartono le prenotazioni per i caregiver, vaccini anche di notte

Ripartono le prenotazioni per i caregiver, vaccini anti covid anche di notte

Ripartono le prenotazioni per i caregiver da dopo il 25 aprile. L’ha detto il commissario all’Emergenza, Massimo D’Angelo, durante il consueto aggiornamento sull’andamento dell’epidemia. Alla domanda dei giornalisti su quanto le varianti siano in grado di sfondare il muro dell’immunizzazione ha risposto: Un dato che può darne prova è quello dei contagiati vaccinati: «Al 21 aprile, quelli con prima dose, sono 597 con un +38% rispetto al report precedente, quelli invece con seconda dose sono 244, quindi un +11%. Non ci sono soggetti vaccinati in condizioni di sintomatologia importante».

“L’Umbria programmerà le vaccinazioni anche di notte, se le provviste saranno assicurate”. Lo ha detto D’Angelo. “Saranno fatti in tutte le strutture dei centri vaccinali che lo consentono, a partire da quella di Solomeo”.

Dal 29 aprile arriveranno 30.420 dosi di Pfizer, garantiti settimanalmente. Da questa data in poi sarà possibile iniziare a progettare l’obiettivo delle 18 mila dosi giornaliere che la Regione Umbria andrà a chiedere al Governo.

2 Commenti

  1. Buongiorno,
    sono un cittadino convivente (marito) di un soggetto estremamente vulnerabile con codice di esenzione 046 e alla quale è stata riconosciuta un invalidità grave (art. 3 comma 3 legge 104). Fin da subito ho provato a prenotare il vaccino ma il messaggio in automatico che esce dal sito è sempre lo stesso “non è possibile censirsi come familiari convivente per il soggetto estremamente vulnerabile indicato”.
    facendo poi il numero Verde per spiegazioni la risposta è automatica e sempre la stessa “a causa dell’intenso traffico telefonico si prega di riprovare più tardi”.
    Ho provato in farmacia ma nessuno si spiega come sia possibile una cosa del genere.
    Credo di non essere l’unico, Servirà una tessera diversa da quella sanitaria? qualcuno diceva “a pensare male si fa peccato, ma spesso ci si azzecca”.

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*