TERNI, CRISI SANGEMINI, CAOS SU VENDITA AZIENDA

Sangemini
Sangemini
Sangemini

(umbriajournal.com) TERNI – In merito alla vicenda legata al tentativo di salvataggio della Sangemini spa da parte dell’imprenditore Francesco Agnello,attualmente a carico al Tribunale Ordinario di Terni presso la sezione fallimentare, si comunicano le dichiarazioni rilasciate dal Dott Trabacca, durante la riunione di ieri presso la prefettura: «La sua – ha spiegato il Ceo del gruppo – era apparentemente la proposta migliore tra quelle che ci sono state sottoposte, ma era priva di una fidejussione che garantisse l’impegno economico promesso e, siccome qualsiasi trattativa deve essere sempre avallata dal sistema bancario, abbiamo ritenuto di non doverci impegnare» non rispondono a verità in quanto non mi è stata mai richiesta né verbalmente né tantomeno per iscritto alcuna fidejussione.

Lo prova il bando rilasciato dall’azienda Sangemini spa alle realtà interessate all’acquisizione, unico documento ufficiale prodotto dall’azienda e messo a disposizione insieme alla data room virtuale agli attori in campo dove non vi è alcuna richiesta di fidejussione. Nonostante questo ho inviato il mio stato patrimoniale e beni mobiliari ed immobiliari atti a garantire largamente l’operazione Sangemini spa.

Aggiungo che ho dato mandato ai miei legali di esaminare l’intera situazione al fine di difendere la mia posizione da dichiarazioni che appaiono false e mendaci tese ancora una volta a screditare la mia attività imprenditoriale per fini poco chiari. Preciso, infine, che stiamo anche valutando l’iter della procedura fallimentare che vede una pronuncia del Tribunale di Terni datata 5 Novembre 2013 dove si scrive che le carte sono trasmesse al Pubblico Ministero per gli accertamenti del caso.

Ho infatti ricevuto dichiarazioni specifiche in merito da personale interno all’azienda e riferite dagli advisor legali della Sangemini spa che si dichiaravano sereni in quanto avrebbero ricevuto espressa garanzia che la procedura sarebbe rimasta ferma almeno fino alla metà di Dicembre

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*