“Telecom esternalizza il lavoro”, allarme Ugl

telecom-italia-media“In Umbria Telecom Italia esternalizza il lavoro pregiato riguardante gli impianti di fibra ottica, nonostante gli accordi di marzo 2013 sottoscritti da Ugl Tlc, Slc Cgil, Fistel Cisl e Uilcom Uil prevedano espressamente il contrario. E cioè un impegno a internalizzare attività, a garanzia del livello occupazionale del personale dipendente”.

E’ questo l’allarme lanciato da Antonio Repace, segretario regionale Ugl Telecomunicazioni dell’Umbria.
“E’ sconcertante – prosegue il sindacalista – che da qualche giorno l’azienda abbia deciso di dare in appalto alle imprese una buon parte dei nuovi impianti di fibra ottica e che richieda addirittura ai tecnici di Telecom Italia di formare personale esterno per portare a termine il lavoro in giacenza”.
Ancora Repace: “Come Ugl ci domandiamo per quale motivo Telecom Italia in Umbria non formi il personale interno. Una scelta che oltre a ridurre il numero degli esuberi tutt’ora presenti nel nostro territorio, garantirebbe alla società un elevato standard di qualità e un guadagno maggiore dalle lavorazioni rispetto ai costi di un lavoro esternalizzato a terzi”.
“Se questa situazione paradossale, potenzialmente pericolosa dal punto di vista occupazionale e per certi versi poco trasparente, dovesse proseguire, – conclude il segretario Repace – , non esiteremo a chiedere il supporto nazionale della Ugl Telecomunicazioni, firmataria degli accordi di marzo 2013, per far luce su quanto sta accadendo in Umbria nell’azienda Telecom Italia”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*