Taglio corse trasporto pubblico, Udu, a fianco dei lavoratori dei trasporti umbri

Umbria mobilità, finanza e polizia a lavoro, ci sono indagati
Trasporto pubblico

Taglio corse trasporto pubblico, Udu, a fianco dei lavoratori dei trasporti umbri


Come Sinistra Universitaria – Udu Perugia e Altrascuola – Rete degli Studenti Medi Umbria esprimiamo il nostro pieno sostegno alla battaglia e alle rivendicazioni che i lavoratori dei trasporti umbri stanno portando avanti in queste ore ed esprimiamo il parere contrario degli studenti della regione al il taglio del dieci percento delle corse del servizio di mobilità regionale.


Il trasporto pubblico è infatti uno dei principali servizi di diritto allo studio per decine di migliaia di studenti medi e universitari che vi fanno affidamento quotidianamente per raggiungere non solo i luoghi di studio ma anche di svago e aggregazione. Non riteniamo dunque accettabile che i problemi di bilancio vengano scaricati sulle spalle degli utenti e dei lavoratori, in linea con la politica del Governo che ha tagliato in modo consistente il Fondo Nazionale per Trasporto Locale.


“La mobilità pubblica è una questione annosa nella nostra regione: adesso gli studenti che già pagavano uno degli abbonamenti più cari d’Italia, si vedono anche tagliare il servizio offerto” dichiara Matias Cravero, coordinatore di Altrascuola Rete degli Studenti Medi Umbria. “I mezzi pubblici sono essenziali” continua Cravero “per la qualità della vita di tutti gli studenti delle scuole superiori che vivono nei tanti centri più piccoli di cui è costellata l’Umbria”.


Aggiunge Lorenzo Gennari, coordinatore di Sinistra Universitaria – Udu Perugia: “Questa riduzione rappresenta un gravissimo problema per i tanti universitari pendolari e sprovvisti di mezzi privati. Ci chiediamo quale visione di regione sia nella mente di chi ultimamente sembra voler disincentivare gli studenti e i fuorisede a iscriversi agli Atenei Umbri”. Continua Gennari: “Come sindacati studenteschi siamo per un servizio pubblico che riesca a interconnettere e favorire la libertà di spostamento di tutti gli studenti e i lavoratori dell’Umbria e per questo giovedì saremo in piazza insieme ai sindacati dei trasporti a Perugia: non intendiamo sottostare alla logica dei tagli ai servizi pubblici che danneggiano il territorio, gli utenti e i lavoratori, la mobilità è un diritto che deve essere garantito“.

Commenta per primo

Rispondi