PERUGIA, LAVORO, SINDACATI UMBRI INCONTRANO ASSOCIAZIONI, SOCIETÀ CIVILE E ISTITUZIONI

Alleanza per il lavoro
Alleanza per il lavoro
Alleanza per il lavoro

(umbriajournal.com) PERUGIA – E’ in corso di svolgimento a Perugia, presso palazzo Cesaroni, l’iniziativa unitaria di Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria “Per il Lavoro, la legge di stabilità deve cambiare”. Nell’arco della mattinata, i tre sindacati si sono confrontati con diverse realtà dell’associazionismo e della società civile, intorno al tema della necessaria centralità del lavoro come unica soluzione alla crisi.

Sono intervenuti, insieme ai tre segretari generali di Cgil, Cisl e Uil dell’Umbria, Mario Bravi, Ulderico Sbarra e Claudio Bendini, don Fausto Sciurpa, in rappresentanza della Pastorale sociale, Carlo Di Somma, presidente di Confcooperative, Salvatore Lo Leggio, di Libera Umbria, Antony Xavier Ladis Kumar, vicepresidente della Acli di Perugia, Flavio Lotti, per la Tavola della Pace, Francesco Ferroni, presidente regionale Adiconsum, Michelangelo Grilli, per l’Udu.

Nel pomeriggio la giornata di mobilitazione, inserita in un’iniziativa nazionale dei tre sindacati, si sposterà a Terni, dove dalle 15.30, presso la Cassa edile, in zona Fiori, si terrà un’assemblea pubblica alla quale parteciperanno, tra gli altri, la presidente della Regione, Catiuscia Marini, i sindaci di Terni, Leopoldo di Girolamo e Narni, Francesco De Rebotti, il presidente della Provincia, Feliciano Polli, oltre che diversi parlamentari umbri ed esponenti di associazioni di categoria, culturali e partiti politici.

Il senso di questa giornata di impegno comune dei sindacati, che promuovono un confronto con istituzioni, associazionismo, cooperazione, partiti politici e società civile, è quello di rimettere al centro della discussione il tema lavoro e chiedere di conseguenza una radicale modifica della legge di stabilità varata dal governo, totalmente inadeguata alle esigenze di un paese e di una regione in profonda crisi, e politiche regionali di difesa del welfare e dell’occupazione

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*