EX ANTONIO MERLONI E CRISI FASCIA APPENNINICA: FARE! FARE PRESTO! FARE BENE!

(umbriajournalmerloni-lavoratori)I Segretari Generali e Regionali di CGIL-CISL-UIL dell’Umbria esprimono forte preoccupazione per la situazione di crisi pesante che attraversa la fascia appenninica e continua a colpire in particolare i lavoratori della ex Merloni di Gaifana.
Per quanto riguarda JP, la continua dilazione della ripresa dell’attività produttiva fa sorgere molteplici interrogativi.
Sono 21 mesi dall’inizio della presenza di Porcarelli nel sito di Gaifana e lo stallo è diventato l’elemento largamente prevalente.
Come hanno sottolineato, nei giorni scorsi i Segretari Provinciali di FIM-FIOM-UILM, diventa necessario ed urgente realizzare anche con il coinvolgimento della Regione dell’Umbria, un incontro con JP per definire con chiarezza e la certezza necessaria le prospettive del sito di Gaifana.
Inoltre, è necessario attivare concretamente l’accordo di programma per fare in modo che si realizzino quegli investimenti necessari a mantenere un profilo importante di attività manifatturiere in quel territorio, dove è necessario ed è sicuramente possibile portare avanti un’attività importante come quella rappresentata dalla produzione degli elettrodomestici .
Il Governo nazionale, a partire dal Ministro Zadonato, deve svolgere una funzione importante, come sollecitato anche dalle Regioni Umbria e Marche, nella più grande vertenza della Regione dell’Umbria.
In questo senso occorre dare una copertura ai 700 lavoratori della ex Merloni, rispetto ai quali è prevista la scadenza della CIG il 13 novembre.
E’ necessaria la prosecuzione degli ammortizzatori sociali e costruire un percorso di reindustrializzazione della fascia appenninica, questa è una delle priorità di CGIL-CISL-UIL dell’Umbria.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*