Coronavirus, luoghi di lavoro, ancora segnalazioni di violazione regole

Ricostruzione commissario Farabollini assegna personale di sblocca cantieri

Coronavirus, luoghi di lavoro, ancora segnalazioni di violazione regole

Continuano ad arrivare al sindacato segnalazioni da parte di lavoratrici e lavoratori umbri sul mancato rispetto in molti luoghi di lavoro delle fondamentali regole per il contenimento della diffusione del virus previste dai decreti governativi e dal protocollo tra sindacati e associazioni datoriali. In una nota Nidil Cgil Perugia (sindacato che rappresenta i lavoratori somministrati e atipici) e Flai Cgil Umbria denunciano la situazione riscontrata in alcune importanti aziende del territorio.

“Alla Salpa di Pistrino, che ha uno stabilimento anche a Montone, oppure alla Renzini, sempre in Alto Tevere, o la Be Food di Acquasanta, non siamo riusciti ad avere alcuna risposta alle nostre richieste – scrivono in una nota i sindacati – eppure in quegli stabilimenti convivono ogni giorno centinaia di lavoratori e lavoratrici sia diretti che somministrati”.

“Qualche lavoratore, armandosi di coraggio – riferiscono i sindacati – ci ha raccontato che nella propria azienda un collega ha accusato sintomi di febbre e non sappiamo che azioni siano state messe in atto, forse una semplice sospensione della linea dove era impiegato, mentre il resto dell’azienda ha continuato a lavorare normalmente. Un somministrato poi – aggiungono Flai e Nidil – ci ha mandato la foto di una mascherina non conforme al decreto (effetto placebo!!!)”.

Di fronte a episodi del genere e nell’impossibilità di intervenire direttamente non avendo una rappresentanza interna, Flai e Nidil Cgil “chiedono alle istituzioni preposte, in primis alla prefettura di Perugia, insieme ai sindaci dei comuni citati, di intervenire per verificare che le misure di contenimento siano adottate e in che modo lo siano, al fine di tutelare la salute dei diretti interessati, ma anche dell’intera cittadinanza, perché il virus non conosce cancelli o confini”.

“In ultimo – concludono i due sindacati – sarebbe opportuno che la stessa Confindustria Umbria, firmataria del protocollo per il contenimento del contagio, invitasse le aziende ad aprire percorsi di condivisione, che possano rafforzare le azioni di contrasto e contenimento. Le buone pratiche che abbiamo adottato in molte aziende nelle quali siamo presenti stanno producendo un minimo di serenità e tranquillità tra i lavoratori (anche se la paura resta), crediamo che riproporle in ogni luogo di lavoro sia un diritto inderogabile delle lavoratrici e dei lavoratori della nostra regione”.

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*