Vogliamo una scuola pubblica in sicurezza, la protesta in piazza a Perugia 🔴 VIDEO

 
Chiama o scrivi in redazione


Vogliamo una scuola pubblica in sicurezza, la protesta in piazza a Perugia

Vogliamo una scuola pubblica in sicurezza, la protesta in piazza a Perugia

“Dalla chiusura delle scuole di ogni ordine e grado fra il 22 febbraio e il 5 marzo in tutta Italia, ogni alunno si è ritrovato a dover affrontare la Didattica a Distanza con i mezzi a disposizione, non sempre adatti o sufficienti, con i genitori improvvisamente trasformati in insegnanti dei propri figli. Per non parlare della fascia 0-6 completamente abbandonata”. E’ questo uno dei principali motivi che ha spinto oggi pomeriggio studenti, docenti e genitori a scendere in piazza. Lo hanno fatto a Perugia, in piazza IV Novembre.

Un elenco di cose che non vanno che in questi mesi di lookdown sono emersi pesantemente: “In tutto questo arco di tempo messaggi contraddittori da Governo e MIUR, nessun progetto in previsione della riapertura a settembre, nessun piano concreto”. Hanno manifestato per il diritto ad una scuola aperta, con didattica in presenza e continuativa, basata sulla relazione, in sicurezza per alunni, docenti e personale ATA.

“Chiediamo – hanno detto – la messa in atto di soluzioni pratiche per il ridimensionamento del numero degli alunni per classe, la predisposizione di misure valide per rendere efficace il distanziamento, la ricerca di spazi idonei per didattica alternativa ed esperienziale che non deve intendersi sostitutiva della didattica in presenza ma complementare. Per l’aumento del numero di insegnanti, la garanzia di posti al nido e alla scuola dell’Infanzia per tutti i bambini”.



Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*