Università, a Perugia il fronte della gioventù comunista contro il numero chiuso

 
Chiama o scrivi in redazione


Università, a Perugia il fronte della gioventù comunista contro il numero chiuso

Università, a Perugia il fronte della gioventù comunista contro il numero chiuso. In occasione delle prove di accesso alla facoltà di Medicina, anche a Perugia il Fronte della gioventù comunista (Fgc) si è mobilitato con azioni di protesta contro il numero chiuso nell’università. Manifestazioni di protesta ci sono state nelle università di Perugia, Roma, Milano, Napoli, Torino, Palermo, Firenze, Cagliari, Bologna e decine di altri atenei in capoluoghi di provincia e regione.

© Protetto da Copyright DMCA

“Ogni anno viene portata avanti la retorica della meritocrazia in occasione dei test d’ingresso – ha affermato Maria Chiara Verducci, responsabile locale del Fgc –, ma non tutti vengono da scuole prestigiose o possono spendere migliaia di euro per prepararsi con corsi privati.

Di che merito parliamo se non si parte tutti dalle stesse condizioni e possibilità? In Italia c’è un saldo negativo fra i nuovi medici e chi va in pensione. In 7 anni abbiamo perso 9mila medici e mancano all’appello 50mila infermieri. Non ci sono troppi medici: ce ne sono pochi. Di fatto questi test servono solo ad avallare i tagli alla sanità pubblica a vantaggio del privato”.

“L’università – conclude Verducci – non ha bisogno di questi test, ma di essere davvero gratuita e accessibile a tutti, indipendentemente dalle condizioni economiche. Serve una pianificazione razionale dell’accesso dei giovani laureati al mondo del lavoro per combattere la precarietà. La nostra lotta non è solo per il diritto allo studio: è anche e soprattutto una lotta in difesa della sanità pubblica e del diritto inalienabile alla salute”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*