Udu critica Ateneo Perugia per bando gestione biblioteche

 
Chiama o scrivi in redazione


Udu critica amministrazione Perugia per bando gestione biblioteche
NON È QUESTA L'UNIVERSITÀ CHE VOGLIAMO!

Udu critica Ateneo Perugia per bando gestione biblioteche

Come Sinistra Universitaria Udu Perugia non possiamo non dirci preoccupati per come l’Amministrazione sta gestendo la vicenda del bando per la gestione delle biblioteche universitarie.

A causa del ricorso al Tar da parte della cooperativa esclusa, non è stato ancora possibile eseguire il cambio di gestione dei servizi bibliotecari in capo alle cooperative fino a che i giudici non si esprimeranno in merito, ossia fino al 13 settembre.

Ovviamente chi si troverà a scontare gli effetti di questo problema saranno gli studenti, che fino a tale data non potranno utilizzare i locali delle biblioteche in orario pomeridiano proprio nella fase finale della sessione di esami estiva, che rende il disservizio estremamente problematico per molti ragazzi.

A ciò si aggiunge l’inattività dell’Ateneo e dei dipartimenti nel cercare soluzioni alternative per offrire spazi per studiare in questo periodo.

Dichiara Lorenzo Gennari, Coordinatore della Sinistra Universitaria Udu Perugia: “Non è accettabile che l’UniPg tagli così drasticamente la fruizione di un servizio importantissimo in una fase così delicata per la preparazione della sessione di esami e di laurea.

Tale situazione è resa ancora più evidente dall’annoso problema degli spazi universitari: l’università dovrebbe essere una seconda casa per lo studente e questo implica che i suoi spazi vengano continuamente ampliati e migliorati, non bastano.

Ridurre ulteriormente i servizi senza una alternativa è miope” continua Gennari “Come Sindacato Studentesco ci attiveremo per richiedere a tutti i dipartimenti di mettere a disposizione degli spazi alternativi come palliativo per queste due settimane, ma l’Amministrazione non può più sottrarsi a un potenziamento complessivo della gestione degli spazi e dei servizi bibliotecari in primis”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*