Sostenibilità ambientale, presentati progetti per le scuole promossi dall’associazione Green heart

Al percorso verde arriva una nuova stele della legalità

Sostenibilità ambientale, presentati progetti per le scuole promossi dall’associazione Green heart

Sostenibilità ambientale, presentati progetti per le scuole promossi dall’associazione Green heart

Sono stati presentati martedì 30 novembre, nella Sala del Consiglio comunale di Palazzo dei Priori a Perugia, due progetti per le scuole dedicati al tema della sostenibilità ambientale. Entrambi sono ideati e promossi dall’associazione Green Heart e patrocinati dal Comune di Perugia. Erano presenti il sindaco Andrea Romizi, il presidente di Green Heart Antonino Chifari, dirigenti scolastici delle scuole aderenti e imprenditori che hanno offerto sostegno economico.


Fonte: Comune di Perugia


Al progetto dal titolo “In campo! Itinerari di cura del nostro territorio”, rivolto alle scuole dell’infanzia e alle primarie, hanno aderito circa 900 alunni. Il secondo progetto, intitolato “Prospettive controtempo: scenari utopici per un futuro sostenibile”, è stato ideato per il liceo artistico Bernardino di Betto.

Più in dettaglio, Green Heart, associazione culturale impegnata a promuovere la cultura della legalità nelle scuole umbre di ogni ordine e grado, con “In campo!” propone un concorso di approfondimento sulla conoscenza e la tutela dell’ambiente e della biodiversità, con particolare riferimento ad alcuni prodotti locali in collaborazione con aziende del territorio regionale. Alla base del concorso c’è la volontà di valorizzare la funzione educativa dell’ambiente esterno. L’outdoor education, infatti, consente di accrescere le capacità sociali dei bambini e permette lo sviluppo di una forma d’intelligenza fortemente adattiva: l’intelligenza “naturalistica”. Pertanto, si intende favorire la consapevolezza dei bambini rispetto al territorio in cui vivono, alle sue specificità e prodotti da tutelare e difendere, ma anche promuovere le relazioni sociali penalizzate dalla pandemia.

Le scuole partecipanti al concorso realizzeranno elaborati grafico-pittorici o fotografici, messaggi originali sotto forma di slogan, manifesti, dialoghi, prodotti multimediali o testi informativi da consegnare entro il 12 aprile 2022. I premi previsti per i primi tre classificati sia della scuola primaria sia della scuola dell’infanzia consisteranno in buoni acquisto di materiale didattico.

La proposta progettuale “Prospettive controtempo” è finalizzata, invece, a sottolineare il nesso fra legalità e tutela dell’ambiente, stimolando i ragazzi a riflettere su questo tema e a cercare soluzioni “creative” da proporre ai responsabili della politica per salvaguardare il pianeta dai pericoli che lo minacciano. I lavori sui temi proposti, individuali o di gruppo, saranno messi in mostra entro marzo 2022.

Il presidente Chifari ha aperto l’incontro ricordando l’episodio del danneggiamento della stele installata al percorso verde di Pian di Massiano a conclusione di un percorso di educazione alla legalità che aveva coinvolto le scuole. “Prendiamo atto di questo fatto increscioso – ha detto -. Ci ha fatto comunque piacere la solidarietà espressa da tanti genitori e cittadini a cui sono lieto di annunciare che a breve, grazie a Massimo Corneli, titolare della ditta I sassi di Assisi, e all’architetto Francesca Corneli, sarà posizionata una nuova stele”. Lo studente Valerio Castellini, oggi alle superiori e, al tempo dell’insediamento del consiglio comunale studentesco, “assessore alla scuola”, ha poi testimoniato l’importanza di quella esperienza “altamente formativa soprattutto dal punto di vista umano”.

Il contenuto dei progetti è stato illustrato da Antonella Ubaldi, Donatella Maggiurana e Nadia Isidori, tutte del direttivo di Green Heart. “A nostro giudizio, l’unica strada possibile è il ritorno all’utopia, intesa come strumento che porta a individuare percorsi di cambiamento da costruire insieme, a partire dai giovani e dalla loro motivazione”, ha affermato Ubaldi in riferimento a “Prospettive controtempo”. Maggiurana e Isidori, a proposito del concorso “In campo!”, hanno sottolineato l’alto numero di adesioni: 12 scuole dell’infanzia (30 sezioni) e 13 scuole primarie (17 sezioni), per un totale di circa 900 alunni.

Sono intervenuti anche i dirigenti di alcune delle scuole partecipanti (Fabio Gallina dell’Istituto comprensivo Perugia 5, Simona Ferretti dell’Istituto comprensivo Perugia 12, Monica Scafati, vice preside del Bernardino di Betto) e gli imprenditori Emanuele Bertini (B.L. Costruzioni), Federico Marcomigni (Igc Costruzioni) e Angelo Fanini che sostengono le iniziative.

Il sindaco Andrea Romizi ha espresso il suo ringraziamento all’associazione guidata da Antonino Chifari che “da anni porta avanti progetti stimolanti per ragazzi di diverse fasce di età”. “Ai giovani – ha detto il sindaco – più che fornire schemi preconfezionati, si devono dare strumenti come l’educazione, un bagaglio valoriale, la cultura del rispetto e la possibilità di riflettere su questioni epocali, dai cambiamenti climatici alla nuova economia. Così li si incoraggia anche a credere in un mondo migliore e a tracciare nuove vie”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*