PERUGIA, PRIMO GIORNO SCUOLA, “SCRIVI SCUOLA, LEGGI FUTURO”

studenti____
Studenti

(umbriajournal.com) PERUGIA – “Si scrive scuola, si legge futuro” questo lo slogan della mobilitazione nazionale che venerdì 11 Ottobre porterà nelle piazze italiane gli studenti pronti a ribadire che il cambiamento parte dall’istruzione.
La Rete degli Studenti Medi Umbria, associazione studentesca di stampo sindacale, ha indetto la manifestazione anche sul nostro territorio e ben tre città vedranno gli studenti sfilare per riportare le istituzioni e l’opinione pubblica a parlare di scuola.
Perugia, Terni e Foligno sono i centri coinvolti che, dopo un percorso di elaborazione durato due mesi, culminato nelle assemblee pubbliche del 20 Settembre, hanno individuato le priorità per far ripartire il sistema scolastico umbro.

Ciò che indigna più i giovani è il recente aumento degli abbonamenti scolastici (dopo che la Provincia aveva promesso che non sarebbero stati toccati) e la totale assenza di una pianificazione da parte delle istituzioni di una mobilità a misura di studente. Ma i trasporti non sono l’unico servizio richiesto, mancano infatti nei poli urbani veri centri d’aggregazione giovanile che non siano solo pub o locali.

Il secondo punto focale è quello dell’edilizia scolastica, tema ricorrente, ma mai realmente affrontato. Gli studenti non possono continuare a studiare dentro a classi pollaio in edifici dove crollano controsoffitti, piove acqua dal tetto o franano alberi nei cortili.
Alle scuole infine la Rete degli Studenti Medi chiede maggior protagonismo studentesco e un’innovazione della didattica, sfruttando strumenti, sostanzialmente a costo zero, quali peer education, circle learning, autovalutazione, ecc.ecc.

“L’11 Ottobre saremo nelle piazze umbre per parlare di trasporti, edilizia e di una nuova didattica, gli studenti non chiedono la luna, basta provare a dargli ascolto” dichiara Alessandro Biscarini, coordinatore regionale della Rete degli Studenti Medi, che continua “I costi per le famiglie, alla luce dei recenti aumenti su abbonamenti, libri e materiale di cancelleria stanno dando una fortissima batosta al diritto allo studio. Le istituzioni si devono assolutamente dare da fare affinché nessuno studente in Umbria abbandoni il percorso scolastico perché “non se lo può permettere” ”, chiudendo poi con un appello “Dopo le oceaniche manifestazioni dell’anno scorso che hanno bloccato il DDL ex-Aprea quest’anno gli studenti possono tentare il salto di qualità: passare dal semplice opporsi al proporre la loro idea di scuola.”

L’appuntamento è dunque Venerdì 11 Ottobre a Perugia, Foligno, Terni per rivendicare che solo una politica orientata alla valorizzazione del sapere e solo scuole più democratiche possono diventare il luogo dal quale combattere le ingiustizie sociali scaturite dalla recessione economica.
Altrascuola – Rete degli Studenti Medi

Per info:
Altrascuola – Rete degli Studenti Medi, altrascuola@hotmail.it
Caterina Rossi, Coordinatrice RSM Perugia, 331 1069715, caterinarossi3@gmail.com
Francesco Scaccetti, Coordinatore RSM Terni, 380 1316487, retedeglistudentiterni@live.it
Alessandro Biscarini, Coordinatore RSM Umbria, 349 4666819, alebisc@gmail.com
Michelangelo Grilli, Resp. Stampa RSM Umbria, 346 3055530michelangelo.grilli@gmail.com

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*