Perugia, l’AIDDA consegna borse di studio a studentesse dell’UNISTRAPG

 
Chiama o scrivi in redazione


Perugia, l'AIDDA consegna borse di studio a studentesse dell'UNISTRAPG

Perugia, l’AIDDA consegna borse di studio a studentesse dell’UNISTRAPG

La consegna dei premi, svoltasi stamane, prende avvio da una partnership tra AIDDA e UNISTRAPG nell’ambito del corso di laurea in Made in Italy, Cibo e Ospitalità. Si è svolta stamane alle 10:00, in modalità online, la premiazione delle due studentesse iscritte al corso di laurea triennale in Made in Italy, Cibo e Ospitalità – MICO vincitrici delle borse di studio elargite da AIDDA, l’associazione delle donne imprenditrici e dirigenti d’azienda.

La collaborazione tra Università per Stranieri di Perugia e AIDDA è iniziata nel 2019 con la firma di un accordo di collaborazione sottoscritto dalla Rettrice Giuliana Grego Bolli e dalla Presidente nazionale Claudia Torlasco, cui hanno fatto seguito iniziative e progetti di vario indirizzo, tra i quali spicca quello relativo al corso MICO: AIDDA ha infatti collaborato alla realizzazione di IN ITALY – Festival delle culture, del cibo e dell’ospitalità -, ha partecipato ai seminari in streaming promossi da questo corso triennale nel maggio 2020, e nella persona della Presidente umbra di AIDDA, Francesca Romana Cassano, è entrata a far parte del Comitato d’indirizzo MICO, definendo nel suo ambito i criteri di stanziamento dei premi di studio – di 900 e 600 € – i quali vengono concessi a studenti iscritti al primo anno di corso e sono stati già finanziati per un triennio.

In questo primo anno sono risultate vincitrici le studentesse Elena Sallei e Fairouz Mohammedi, le quali sono state premiate nel corso della cerimonia odierna dal Presidente del corso di laurea MICO, Giovanni Capecchi, insieme a Claudia Torlasco, Tiziana Tombesi e Francesca Romana Cassano, rispettivamente Presidente Nazionale, Consigliere Nazionale e Presidente Umbria AIDDA. “Se non investiamo sui giovani, sulla formazione, sulle competenze e quindi sul futuro, siamo destinati al fallimento” – hanno sottolineato i vertici AIDDA nel corso dell’evento.

“Abbiamo voluto premiare la creatività, la curiosità e la capacità di andare oltre i percorsi imposti e già battuti – ha precisato poi Francesca Romana Cassano, membro della commissione giudicatrice. Giovanni Capecchi – instancabile promotore di iniziative e progetti di qualificazione e professionalizzazione del MICO – ha sottolineato infine l’importanza del legame tra il mondo delle imprese ed il corso, che quest’anno ha visto un significativo incremento delle iscrizioni, con una forte attrattività extraregionale ed un carattere spiccatamente internazionale.
/Sonia Giugliarelli

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*