Perché il master per insegnare l’italiano a stranieri è un’eccellenza: parla la direttrice scientifica Francesca Malagnini

Perché il master per insegnare l’italiano a stranieri è un’eccellenza: parla la direttrice scientifica Francesca Malagnini

Perché il master per insegnare l’italiano a stranieri è un’eccellenza: parla la direttrice scientifica Francesca Malagnini

Il Master in Didattica dell’Italiano Lingua non Materna vanta un primato d’eccellenza nel panorama nazionale in ordine alla formazione dei docenti d’italiano come lingua straniera, e ciò prima di tutto in ragione della tradizione che l’Università per Stranieri di Perugia ha consolidato, in un secolo di attività, nella formazione e nella promozione all’estero della nostra lingua“.

 A parlare è Francesca Malagnini, direttrice scientifica del Master ITALIN, che nella sua diciottesima edizione è stato ulteriormente aggiornato: Tra le peculiarità dell’edizione 2020-2021 – sottolinea la docente – vi sono una revisione di tutti i contenuti dei moduli, operata per dare agli iscritti un quadro effettivo dell’italiano corrente, e una rinnovata organizzazione del raccordo tra tirocinio ed elaborazione delle lezioni che i futuri docenti devono imparare a progettare“.

Non a caso il master ITALIN ha vinto il Label Europeo dell’Agenzia Nazionale LLP Leonardo da Vinci, assegnato ai corsi più innovativi nell’ambito della formazione linguistica a fini professionali.

E in linea con le politiche linguistiche europee gli obiettivi del corso valorizzano il plurilinguismo e l’interculturalità; per questi motivi ItaLin è aperto a laureati di qualsiasi area disciplinare e, nello specifico, porta gli iscritti a specializzarsi nell’insegnamento dell’italiano come lingua straniera e a sviluppare competenze linguistiche e glottodidattiche negli ambiti dell’interculturalità e della diffusione della cultura e della civiltà italiane.

La domanda di formazione in questo specifico settore è in costante aumento, sia in Italia che all’estero, dove l’italiano si attesta come la quarta lingua più studiata.

Il percorso del Master si sviluppa in circa nove mesi e consiste in 1500 ore di formazione, suddivise tra lezioni a distanza asincrone (moduli in autoapprendimento, e-learning), sincrone (su piattaforma informatica) e lezioni in presenza (tirocinio), garantendo il conseguimento di 60 di crediti formativi universitari (CFU).

Il Master ItaLin dà diritto a un titolo di specializzazione in Italiano L2 valido per la partecipazione alle procedure concorsuali di cattedra classe A-23 per l’immissione in ruolo del personale docente e all’attribuzione di punteggio o di crediti (CFU) anche per il personale docente di scuole e istituti pubblici e privati esteri.

L’Ateneo mette a disposizione per il master ItaLin 7 borse di studio del valore di 500 €, ciascuna a parziale copertura della quota di iscrizione, che saranno attribuite ai primi sette candidati della graduatoria, mentre gli insegnanti iscritti potranno usufruire del bonus di 500 € della Buona Scuola.

C’è tempo per iscriversi sino al 13 settembre 2021  (https://iscrizioni.unistrapg.it).

Bando, Piano didattico e Calendario delle attività del master sono consultabili nel sito web d’Ateneo (www.unistrapg.it).

Per informazioni: Servizio Ricerca e Alta Formazione Tel. +39 075 57 46 662-629-351 – master@unistrapg.it

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*