Numero chiuso a medicina, conto alla rovescia e ansia da test, oltre 66mila aspiranti medici

a stare peggio sono i più bravi, coloro che hanno investito, fisicamente e mentalmente, più tempo per prepararsi al grande giorno

 
Chiama o scrivi in redazione


Numero chiuso a medicina, conto alla rovescia e ansia da test, oltre 66mila aspiranti medici

Numero chiuso a medicina, conto alla rovescia e ansia da test, oltre 66mila aspiranti medici

Ansiosi, stressati e sull’orlo di una crisi di nervi. È così che si sentono gli oltre 66mila aspiranti medici italiani in vista dei Test di ingresso alla Facoltà di Medicina, che si terranno il prossimo 3 settembre. Paradossalmente, a stare peggio sono i più bravi, coloro che hanno investito, fisicamente e mentalmente, più tempo per prepararsi al grande giorno. Con il rischio che il proprio sogno si infranga, non per mancanza di bravura e preparazione, ma a causa di un sistema di selezione inadeguato allo scopo. Lo sa bene lo psicoterapeuta Giorgio Nardone del Centro di Terapia Strategica di Arezzo, in passato coinvolto in una commissione ministeriale per discutere quale sia il metodo migliore di selezione in occasione di un concorso pubblico, ed ora sondato da Consulcesi per aiutare gli aspiranti medici a superare la prova raccogliendo la loro richiesta di supporto arrivata soprattutto attraverso i canali social. Nardone di aspiranti medici ne incontra a decine ogni anno, sia prima del test come aiuto alla preparazione che dopo la selezione come supporto nell’eventualità di una bruciante delusione. E quest’anno di aspiranti medici delusi ce ne saranno tantissimi, più di 50mila stando alle stime di Consulcesi.

«Il problema principale è che i nostri test di Medicina non sono adatti a selezionare i più bravi o quelli più portati alla professione medica», dice il presidente di Consulcesi, Massimo Tortorella«A superarli sono infatti solo gli studenti più preparati a non cadere in domande ambigue e tranelli, tipici dei test a risposta multipla»conferma Nardone.

Dunque per superare ansie e stress, e per non cadere nella trappola delle domande a risposta multipla, lo psicoterapeuta elenca alcuni semplici suggerimenti. «Il primo è quello di non studiare troppe ore consecutive ogni giorno», dice l’esperto. «Le full immersion gli ultimi giorni prima del test non servono. Alimentano soltanto l’ansia. Meglio – sottolinea – uno studio di poche ore al giorno spalmate in un periodo più lungo. È infatti così – aggiunge – che si fissano meglio i concetti da apprendere». Altra cosa da evitare è «leggere e ripetere ad alta voce», uno dei metodi di studio più seguiti dagli studenti italiani. «Questo approccio può essere efficace fino alla terza media quando si deve imparare ad esporre i concetti, ma non serve a nulla dopo», sottolinea Nardone. «Specialmente per i test di medicina a risposta multipla, il tipo di studio più efficace è quello che consente una maggiore schematizzazione dei concetti alternata con la pratica», aggiunge.

Consigli pratici per superare il Test di Medicina. Il modello suggerito dall’esperto è il seguente: leggere il capitolo di un libro come se fosse una semplice rivista per avere una percezione generale dell’argomento; poi rileggere in modo analitico ed evidenziare 2-3 righe che possano aiutare a riportare alla mente i concetti più importanti; mettersi alla prova con qualche esercizio; e infine soffermarsi sulle domande che si sbagliano, soprattutto quelle apparentemente ambigue, per cercare di comprendere qual è il modo corretto di approcciarsi senza cadere nel tranello. Un consiglio valido per il giorno del test è quello di accettare di essere in ansia senza farsi prendere dalla fretta «Anche se si hanno pochi secondi a domanda, bisogna leggere attentamente quello che c’è scritto per evitare di cadere nei tranelli», suggerisce Nardone.

Il lavoro di Nardone non si ferma alla sola preparazione o gestione dell’ansia prima del test. «La maggior parte degli studenti arriva da me dopo il test, dopo la delusione di non averlo superato nonostante tutti gli sforzi», riferisce l’esperto. «C’è chi supera la delusione passando subito al piano B, ad esempio iscrivendosi a una facoltà affine a quella di Medicina per ritentare i test l’anno seguente, e chi invece entra in una spirale di depressione, spesso per problemi pregressi che si sommano e che richiedono un’adeguata terapia», aggiunge. In generale, Nardone suggerisce un approccio molto semplice, che prevede sostanzialmente due fasi. «Il fallimento va vissuto come un lutto: bisogna toccare il fondo prima di risalire», dice. «Quindi, ok a qualche giorno di lacrime. Nel frattempo, però – prosegue – bisogna ragionare in termini di ‘problem solving’: riflettere sul da farsi senza perdere tempo. Solitamente consiglio di darsi una seconda occasione e riprovare i test l’anno seguente almeno una seconda volta».

Non bisogna mai darsi per vinti, quindi, anche quando la situazione non sembra favorevole. Per molti studenti, la via d’uscita è stata la strada legale del ricorso. «Solo negli ultimi anni sono stati riammessi migliaia di studenti esclusi ingiustamente dopo i test – spiega Tortorella – ed ogni anno, secondo le nostre stime, ci sono mediamente 18mila potenziali ricorrenti. Le anomalie riguardano suggerimenti e movimenti sospetti durante la prova, persone che potevano uscire liberamente, utilizzo di smartphone o altri device, membri della commissione che parlavano con i candidati, plichi manomessi, favoritismi. Una situazione diffusa in tutto il Paese: nel 2019 abbiamo ricevuto segnalazioni di irregolarità da 27 dei 41 atenei in cui si sono svolti i test».

Quindi, se si verificano palesi irregolarità è bene segnalarle quanto prima, i legali di Consulcesi sono a disposizione ogni giorno per una consulenza gratuita al numero verde 800189091 o in chat sul sito www.consulcesi.it o www.numerochiuso.info .

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*