New generation community, contrasto della povertà educativa

 
Chiama o scrivi in redazione


New generation community, contrasto della povertà educativa

di Martina Rastelli
New generation community, contrasto della povertà educativa.
Il progetto New generation community è un progetto che intende rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale nell’educazione dei minori.

© Protetto da Copyright DMCA

Questo progetto è stato selezionato dall‘impresa sociale ‘Con i Bambini’ grazie alla quale sono stati attuati i programmi del fondo. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria, quali Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo.

Destinatari

I destinatari del progetto sono i bambini che frequentano scuole d’infanzia, scuole primarie e secondarie di primo grado e minori immigrati di prima e seconda generazione. L’associazione rivolge la sua attenzione anche a chi vive situazioni di svantaggio a causa di disabilità, povertà e difficoltà familiari.
Il progetto è, ovviamente, rivolto anche ai genitori disoccupati o presi in carico dai servizi sociali, a famiglie monoparentali, insegnanti, educatori e operatori socio sanitari.

LEGGI ANCHE: Un anno al servizio della disabilità, salute mentale, anziani e bambini

Gli obiettivi

Questa comunità è formata da 45 partner tra associazioni, cooperative sociali, scuole ed enti locali situate a Terni, Amelia, Narni, Orvieto, Montecastrilli, Attigliano e Guardea.

Tutti insieme vogliono creare nuovi percorsi educativi validi, da inserire soprattutto nella scuola.
Gli obbiettivi sono molteplici: arricchire di contenuti i processi di apprendimento, potenziare il supporto per minori in situazioni di svantaggio, aumentare la motivazione dei giovani verso la scuola.

Queste azioni si concretizzano con laboratori permanenti sulle povertà educative nelle zone sociali 10-11 e 12, interventi integrati sulla cittadinanza attiva, sportelli d’ascolto, formazione per docenti, educatori e volontari, azioni di supporto alla genitorialità e percorsi didattici-naturalistici.

 

 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*