Didattica a distanza fino al 21 novembre, prorogata ordinanza

 
Chiama o scrivi in redazione


Covid Umbria, didattica a distanza, probabile proroga dell’ordinanza Tesei

Didattica a distanza fino al 21 novembre, prorogata ordinanza

Prorogata la chiusura delle scuole medie per un’altra settimana: didattica a distanza fino al 21 novembre incluso. Lo riporta oggi il Corriere dell’Umbria. E’ stata, infatti, prorogata di 7 giorni l’ordinanza regionale della presidente dell’Umbria che era in scadenza il 14 novembre. Si tratta dell’ordinanza 69 del 30 ottobre scorso, in base alla quale: “A decorrere dal 3 novembre 2020 e fino al 14 novembre 2020 le attività delle scuole secondarie di primo e secondo grado statali e paritarie sono realizzate attraverso la didattica a distanza riservando alle attività in presenza esclusivamente i laboratori, ove previsti dai rispettivi ordinamenti del ciclo didattico, e la frequenza degli alunni con bisogni educativi speciali”.

Alla scadenza verrà fatta una valutazione dei dati epidemiologici del momento per decidere se prorogare ancora o farla decadere, ma fino al 21 solo didattica a distanza.

“Con la delibera approvata oggi dalla Giunta abbiamo stanziato 4 milioni di euro per mettere a disposizione borse di studio straordinarie agli studenti della scuola primaria e secondaria, di primo e secondo grado”. Lo annuncia  Paola Agabiti, assessore regionale all’Istruzione e al Diritto allo studio.

“Si tratta – prosegue Agabiti – di una iniziativa con la quale sosteniamo il Diritto allo studio dei nostri ragazzi, anche al fine di contrastare il rischio di fallimento formativo precoce e di dispersione scolastica. È un’ulteriore dimostrazione dell’attenzione della Giunta Tesei nei confronti della formazione e dell’istruzione delle giovani generazioni, che rischiano di subire direttamente le conseguenze della pandemia”.

“Attraverso queste borse di studio,  pensate per aiutare le famiglie chiamate a fronteggiare l’emergenza Covid-19, istituiamo un contributo di 200 euro per i ragazzi delle scuole primarie, di 400 euro per gli iscritti alla secondaria di primo grado e di 500 per la secondaria di secondo grado. Grazie a questi interventi – ha concluso  Agabiti – puntiamo a dare un segnale di vicinanza da parte dell’istituzione regionale al mondo della scuola e ad assicurare un aiuto concreto alle famiglie in questa difficile fase emergenziale”.

L’importo delle borse di studio straordinarie, finanziate grazie alla riprogrammazione del Fondo Sociale Europeo , sarà incrementato di 100 euro per gli alunni con disabilità, e potranno accedervi gli studenti il cui nucleo familiare attesti un ISEE, anche corrente, non superiore a 20 mila euro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*