Caos graduatorie, ufficio scolastico garantisce controllo e correttezza

 
Chiama o scrivi in redazione


Graduatorie sbagliate, martedì protesta all'USR di via Palermo

Caos graduatorie, ufficio scolastico garantisce controllo e correttezza

Si è svolto questa mattina, 23 settembre 2020, l’incontro tra le organizzazioni sindacali e l’USR Umbria sulle problematiche evidenziatisi nell’assegnazione degli incarichi annuali, le cosiddette GPS. Tutte le sigle hanno denunciato l’inadeguatezza del sistema di reclutamento informatizzato a livello centrale che avrebbe avuto bisogno di una fase di sperimentazione ben più significativa per poter essere utilizzato nell’assegnazione degli incarichi per questo anno scolastico su cui pesa la situazione epidemiologica in corso.

Ciò non si è verificato e questo ha determinato per  il personale precario la compilazione di domande in tempi estremamente ristretti con indicazioni sulla compilazione frettolose se non errate e per le  scuole, il carico della validazione  di una mole  di pratiche  in tempi brevi  e senza il dovuto supporto da parte dell’amministrazione centrale.

L’incontro si è svolto in uno spirito di critica costruttiva da parte delle OOSS che hanno riconosciuto all’amministrazione regionale la volontà di trovare una soluzione positiva alle problematiche emerse.

Alla fine dell’incontro l’USR ha garantito:

1 – Il controllo e la correttezza dei contratti stipulati a seguito della validazione operata dalle scuole

2 – La valutazione di tutti i reclami pervenuti

Tali operazioni, nello specifico quella relativa alla valutazione dei reclami, avverranno in tempi che dovranno garantire il corretto svolgimento dell’anno scolastico. L’amministrazione si è impegnata a convocare nuovamente i sindacati non appena il quadro delle supplenze sarà più definito.

SEGRETERIE REGIONALI 

FLC-CGIL  (Domenico MAIDA)

CISL SCUOLA  (Erica CASSETTA)

UIL SCUOLA  (Lucia MARINELLI)

SNALS CONFSAL  (Anna Rita DI BENEDETTO)

GILDA UNALMS (Sante PIRRAMI)

ANIEF (Daniela ROSANO)

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*