Approvato Piano programmazione rete scolastica e offerta formativa

 
Chiama o scrivi in redazione


Approvato Piano programmazione rete scolastica e ’offerta formativa

Approvato Piano programmazione rete scolastica e ’offerta formativa

La Terza commissione consiliare, presieduta da Eleonora Pace, ha approvato il Piano della programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2021-22, illustrato nei dettagli dall’assessore regionale Paola Agabiti e dalla responsabile dell’Ufficio scolastico regionale Antonella Iunti. Non ci saranno altri licei musicali e sportivi come richiesto dai territori dell’Altotevere e da Orvieto. Confermate le autonomie in deroga per le zone decentrate. Voto contrario di Michele Bettarelli (PD)

© Protetto da Copyright DMCA

La Terza commissione consiliare, presieduta da Eleonora Pace, ha approvato il Piano della programmazione della rete scolastica e dell’offerta formativa per l’anno scolastico 2021-22, illustrato nei dettagli dall’assessore regionale Paola Agabiti e dalla responsabile dell’Ufficio scolastico regionale Antonella Iunti. Hanno votato favorevolmente la presidente Pace (FDI), i consiglieri della Lega (Pastorelli, Fioroni, Mancini, Peppucci) e Andrea Fora (Patto civico per l’Umbria).

Contrario Michele Bettarelli (PD), che ravvisa l’annullamento di tutte le richieste provenienti dall’Altotevere nonostante la concessione di numerose deroghe per altri territori. Il no al liceo musicale e al liceo sportivo per Città di Castello e Umbertide è stato spiegato dalla Iunti: sono indirizzi che richiedono costi notevoli per la presenza di insegnanti aggiuntivi oltre a quelli delle materie comuni e il Ministero ne concede di norma solo uno per provincia.

Essendocene in Umbria già due per provincia (musicale a Perugia e Città della Pieve, sportivo a Gubbio e Foligno) risulta impossibile aprirne altri, anche per le considerazioni legate al problema della denatalità, che sta progressivamente riducendo il numero degli iscritti. Nella minoranza, Fora ha votato favorevolmente in considerazione di una revisione complessiva della programmazione formativa a partire dal prossimo anno, come annunciato dall’assessore Agabiti in premessa.

  • Questo il quadro riassuntivo delle decisioni assunte dalla Giunta regionale dopo aver consultato l’Usr e le Province, che per prime esprimono valutazioni sulle richieste proveniente dai territori:

OFFERTA FORMATIVA 2021-22 PERUGIA: parere favorevole, anche se subordinato all’organico assegnato dal Ministero dell’Istruzione, per gli indirizzi “Costruzioni, Ambiente, Territorio e Turismo” all’Istituto tecnico “Capitini” di Perugia e per gli indirizzi “Architettura e Ambiente”, Arti figurative pittura-scultura”, “Design del libro, della grafica e del restauro”, “Design della moda, del tessuto e del costume” per il liceo artistico “Di Betto” di Perugia. Per il liceo artistico perugino via libera anche, sempre in subordine all’organico eventualmente assegnato dal Ministero dell’Istruzione, ai medesimi indirizzi rivolti alla sezione carceraria. UMBERTIDE: Parere NON favorevole all’indirizzo sportivo per il liceo scientifico “Da Vinci”.

CITTÀ DI CASTELLO: parere NON favorevole all’indirizzo “Liceo musicale e coreutico” per il liceo “Plinio il giovane”.

GUALDO TADINO: parere favorevole, subordinato all’organico assegnato dal Ministero dell’Istruzione, all’indirizzo “Servizi per la sanità e assistenza sociale” all’ISS “Casimiri”.

SPOLETO: parere favorevole, subordinato all’organico assegnato dal Ministero dell’Istruzione, all’indirizzo enogastronomico per l’istituto professionale “De Carolis”;

NON favorevole per i “Servizi commerciali”, per i “Servizi per la sanità e assistenza sociale” e per l’indirizzo “Turismo”.

TERNI: parere favorevole, subordinato all’organico assegnato dal Ministero dell’Istruzione, all’indirizzo “Trasporti-logistica” per l’ITT “Sangallo”; parere favorevole alla soppressione dell’indirizzo “Servizi culturali e dello spettacolo” nell’IIS “Casagrande” di Cesi. Parere NON favorevole ai “Servizi culturali e dello spettacolo” all’Ipsia “Pertini”. ORVIETO: parere favorevole, subordinato all’organico assegnato dal Ministero dell’Istruzione, per l’indirizzo “Inforrmatica e telecomunicazioni” afferente al settore tecnologico per l’IIS scientifico e tecnico di Orvieto Scalo; parere NON favorevole all’indirizzo musicale per l’IIS “Artistica classica” (liceo classico, artistico e istituto professionale). FABRO: parere favorevole, subordinato all’organico assegnato dal Ministero dell’Istruzione, per il percorso di secondo livello per il conferimento del titolo statale di agrotecnico presso l’istituto omnicomprensivo “La Porta”.

  • PROGRAMMAZIONE RETE SCOLASTICA

Parere favorevole al mantenimento in deroga dell’autonomia scolastica degli istituti comprensivi di VALFABBRICA e MASSA MARTANA sulla base della convenzione triennale con le amministrazioni comunali per il potenziamento delle scuole. Parere favorevole al mantenimento in deroga dell’autonomia scolastica anche per gli istituti di CERRETO di Spoleto-Sellano e CASCIA-MONTELEONE, alla luce degli eventi calamitosi subiti, come previsto dalle linee guida regionali. Parere favorevole anche al mantenimento in deroga dell’autonomia scolastica dell’istituto omnicomprensivo di AMELIA.

Richieste NON ammissibili: quella del Comune di SAN GIUSTINO, per l’incorporazione della scuola per l’infanzia paritaria di Selci Lama all’autonomia scolastica “Bufalini” di San Giustino, perché pervenuta fuori termine e per carenza di documentazione. Inammissibile anche quella dell’Istituto professionale “De Carolis” di SPOLETO per accorpare gli istituti Itis-Ipsia e formare un unico polo tecnico-professionale al fine di sopperire al trend negativo di significativa riduzione delle iscrizioni: inammissibile per mancanza di requisiti formali ma si dispone di avviare un tavolo di confronto interistituzionale per trovare soluzioni e ridurre il rischio di sottodimensionamento scolastico derivante, oltre che dalla dispersione scolastica, anche dai flussi migratori, dal decremento demografico e dalla denatalità sul territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*