ISOLA POLVESE, OPEN OPPORTUNITY 2013

Alcuni Momenti del Meeting
Alcuni Momenti del Meeting
Alcuni Momenti del Meeting

(umbria journal.com) ISOLA POLVESE, PG – E’ stata l’idea di Eleonora Fioriti e del suo albergo diffuso Borgo S. Angelo di Gualdo Tadino a convincere di più la giuria di “Open Opportunity 2013, aggiudicandosi così il premio (tre settimane di promozione e una consulenza per un valore di 1.500 euro) legato al progetto “Convincimi”. Format studiato per presentare alcune delle più interessanti startup del momento, il concorso “Convincimi” ha visto in “gara” 12 giovani che sono stati capaci di disegnare e realizzare le proprie idee, progetti e sogni dandogli corpo nella galassia dell’imprenditoria italiana, ma non solo. Palcoscenico di questi progetti il 3° meeting di “Open opportunity” che si è chiuso oggi ad Isola Polvese, dopo due giorni di confronto tra imprese, enti e studenti che si sono scambiati idee ed esperienze al fine di interpretare sempre più correttamente i cambiamenti in atto.

 

Dopo le tavole rotonde di ieri dedicate in particolar modo a turismo e scuola, oggi, come detto, è stata la volta di “Convincimi” con la presentazione da parte degli stessi protagonisti (Barbara D’Agabiti di “Winelinkitaly”,  Pietro Ferraris di “Mapp2app”, Vincenzo Vasapolli di “Shopping planner”, Eleonora Fioriti di “Albergo diffuso Borgo S. Angelo”, Ermes Mangialardo di “Urban jungle”, Chiara Tutarini di “OGB Italy”, Mattia Conte di “Above and behind”, Cecilia Anesi di “Investigate active”, Luca Lanterna di “Umbria in quad”, Alessandro Veracchi di “Evonove”, Diego Parbuono di “Colori e sapori” e Luigi Mercuri di “Pasta boutique”) delle loro idee imprenditoriali e di come le stanno attuando.  “Convincimi” è un progetto che parte da lontano, ha spiegato Roberto Palazzetti (Osmosit). “Un progetto al contrario, rovesciato, in quanto sono gli stessi giovani ideatori che salgono  sul palco e parlano della loro idea con relative criticità e punti di forza”.

Passione, motivazione, stupore, emozione, follia, intraprendenza, innovazione, curiosità, competenza: sono solo alcune delle parole chiave alla base di questi progetti, la cui selezione è stata fatta da una giuria composta da Anna Rita Fioroni (presidente Università dei sapori), Chiara Pucciarini (presidente giovani imprenditori Confcommercio Perugia), Corrado Bei (consulente e formatore in ambito di credito-impresa), Michela Sciurpa (giovani imprenditori Confindustria Perugia), Mario Amendola (esperto in recruitment e talent scouting). “Deve essere sottolineata l’importanza di questo evento – sono state le parole del presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio Guasticchi – in cui si dà modo a giovani geniali, futuri imprenditori, di far prendere in considerazione il loro progetto. Cosa né facile, né scontata. Se continueremo a stimolare questa creatività ci renderemo conto che l’Italia è il paese di centinaia di piccoli imprenditori perchè la creatività è la nostra forza.

La nostra Istituzione ha sempre cercato di incentivare questa spinta come dimostra la valorizzazione che ha vissuto Isola Polvese”.  “Le startup presentate oggi – ha dichiarato il vicepresidente Aviano Rossi – che partecipano all’unico concorso dove non ci sono perdenti, sono un vero patrimonio che dimostra come una buona idea può essere realizzata anche in un periodo di crisi e fornire prospettive di ripresa”. La giornata di oggi si conclude con la tavola rotonda sugli open data. “Open opportunity” è organizzato dalle società Nexus&Soci e Osmosit, in collaborazione con la Provincia di Perugia. In esso, attraverso le “Pillole del gusto”, ha trovato spazio anche l’enogastronomia più innovativa del territorio grazie alla partecipazione di Mastri Gelatai dell’Università dei Sapori, Le strade del vino e dell’Olio, il Consorzio delle Zafferano, Birra Perugia, il caseificio Fontemanna, Popa Simply Food, Caffè Belardi.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*