Emergenza lupi, Coldiretti incontra prefetto Terni

lupo-Ricercare possibili soluzioni che contribuiscano ad arginare il problema della minaccia di lupi su parte del territorio provinciale: questo l’obiettivo dell’incontro che una delegazione della Coldiretti composta dal presidente di Terni Massimo Manni, dal direttore regionale Diego Furia e dal vicedirettore Coldiretti Terni Roberto Santopietro, ha avuto nei giorni scorsi con il Prefetto di Terni Gianfelice Bellesini. Un’iniziativa – spiega Coldiretti – per porre all’attenzione del Prefetto un grave problema che affligge gli imprenditori agricoli e la popolazione di diverse zone della provincia, per i quali la situazione, già difficile da tempo, è diventata insostenibile. L’incontro si è reso necessario infatti, alla luce delle ripetute segnalazioni che Coldiretti Terni raccoglie da quanti quotidianamente, nell’esercizio del proprio legittimo diritto d’impresa, devono fare i conti con i danni provocati al bestiame dagli attacchi di lupi che incuranti anche della presenza “umana”, si avvicinano sempre più alle abitazioni e alle aziende agricole.

Una situazione questa – ribadisce Coldiretti – che sta generando, oltre che ingenti danni economici, anche problemi di ordine pubblico e una paura crescente nella popolazione. Si tratta ormai di una questione che riguarda l’intera comunità e non solo il comparto agricolo, ma che comporta, tra l’altro, il rischio di un progressivo abbandono delle campagne e di quelle zone montane dove l’agricoltura è un fattore determinante per il presidio ed il mantenimento dell’assetto idrogeologico.

Il presidente della Coldiretti Terni Massimo Manni, nel corso dell’importante summit, ha sottolineato la necessità di incrementare le misure di prevenzione nel rispetto e nella salvaguardia degli equilibri dell’ecosistema.Il positivo incontro – ha affermato Manni – ha gettato le basi per un percorso di riflessione comune, che dovrà proseguire nel prossimo futuro coinvolgendo maggiormente le altre Istituzioni interessate.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*