CRISI, IN UMBRIA CRESCE CASSA INTEGRAZIONE

Lavoro

L’Agenzia Umbria Ricerche ha effettuato un’analisi sulla casa integrazione in Umbria, esaminandone l’evoluzione sul lungo periodo (2008-2013).
Nel 2008, e cioè quando arrivò la crisi che tutt’ora perdura, la cassa integrazione sia ordinaria che straordinaria ebbe una percentuale di aumento dell’88,97% rispetto all’anno precedente.
Nel 2009 poi la cassa integrazione esplode e l’Umbria, sempre secondo i dati dell’Aur, presenta un aumento del totale delle ore sull’anno precedente del 428,77%. Sia l’ordinaria (816,74%) che la straordinaria (263,44%) hanno un aumento superiore all’Italia.
L’anno successivo anche la cassa integrazione in deroga esplode, arrivando al 428,94%, dove il dato nazionale è invece del 206,48%.
Nel 2011 c’è con un calo nazionale della cassa integrazione (-20,78%), ma in Umbria diminuisce molto meno (3,97%).
Nel 2012 poi l’aumento umbro (46,68%), sempre seguendo l’indagine dell’Aur, è il più alto d’Italia.
Lo scorso anno, il 2013, sono diminuite le casse in deroga (-62,24%) e quelle ordinarie (-9,43%), ma è aumentata quella straordinaria (+41,13%).
Per quanto riguarda i primi due mesi di quest’anno, la Cgil ha elaborato i dati dell’INPS: +15% i cassintegrati.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*