Terni: tutti dimenticano l’operaio ferito

scontri-ast-terni(umbriajournal.com) TERNI – E’ da ieri sera che l’attenzione mediatica rispetto ai fatti gravissimi di Terni è concentrata tutta sulla teoria, peraltro ancora da accertare (non esiste un fotogramma che testimoni il contatto), che a colpire il sindaco di Terni, Leopoldo Di Girolamo, durante la carica della polizia davanti alla stazione ferroviaria, sia stato un ombrello e non il manganello di un agente di polizia. In questo modo si sta tentando di oscurare la gravità dei fatti accaduti e dell’aggressione alle istituzioni ed ai lavoratori perpetrata dalle forze dell’ordine.

Soprattutto vogliamo sottolineare – perché tutti o quasi sembrano esserselo dimenticato – che oltre al sindaco è stato ferito alla testa, riportando una brutto taglio, un lavoratore dell’Ast nel corso della prima carica portata dalla polizia nei pressi dell’hotel Michelangelo, quindi ben prima del tentativo di ingresso alla stazione.

Più in generale, le immagini contenute in numerosi video e fotografie sono inequivocabili e testimoniano l’aggressione subita dai lavoratori. La Cgil chiede dunque che le responsabilità di chi ha deciso una simile gestione dell’ordine pubblico siano accertate realmente e che se ne traggano le dovute conseguenze.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*