Spaccio e furti in calo, Bocci: “È la strada giusta”

Allarme terrorismo, Bocci: "Lavoriamo per il rafforzamento ma soprattutto con l'intelligence per la prevenzione"
Gianpiero Bocci

bocci 4Lo spaccio e i furti sono in calo in Umbria. I prime tre mesi del 2014 hanno fatto registrare risultati assolutamente positivi: a Perugia per i crimini legati alla presenza della droga e dello spaccio  si registra -15,8%, -14,7% a Terni. Per quanto riguarda i furti a Perugia e provincia: -35,3% di quelli in abitazione, -38,5% di quelli da strappo, -34,1 di quelli di autovetture. A Terni -29,8% di furti in abitazione, -34% quelli di auto.

Per il sottosegretario all’interno Gianpiero Bocci sono “risultati molto positivi di un lavoro accurato fatto dalle forze dell’ordine, con impegno, passione, professionalità, passo dopo passo, con la stessa dose di pazienza e determinazione. A questo si è aggiunta la sensibilità e il desiderio di collaborare dei cittadini. I risultati sono buoni, la strada è quella giusta.”

 “Sarebbe un errore imperdonabile – ha proseguito il sottosegretario – fermarsi ora. Però mi sento di dire che questi dati rappresentano un cambio di tendenza, l’inizio di una svolta, un punto dal quale non si torna indietro. Quando dico che la strada è quella giusta mi riferisco a quello sul quale da tanto tempo insisto. Procedendo con le espulsioni, gli accompagnamenti alla frontiera, i rimpatri con gli aerei, si fa contrasto alla criminalità e si prosciuga il brodo di coltura dove prospera. In particolare in una realtà che si era, negli anni, andata degradando come quella di Perugia e del suo hinterland. La soluzione di questo tipo di problemi non passa per il carcere, qui si vede l’importanza degli strumenti alternativi”.

 “Abbassare la guardia sarebbe fatale, interrompere il cammino vorrebbe dire sottovalutare quanto sia tenace il tipo di fenomeno criminoso in Umbria e a Perugia in particolare. Per questo è giusto essere soddisfatti, insieme con tutte le forze dell’ordine, del lavoro fin qui svolto e indirizzarsi verso una nuova fase, il cui obiettivo è tagliare l’erba sotto i piedi ai malintenzionati. Per fare questo, l’ho detto mesi fa e lo ripeto ora, si tratta di sapere con esattezza che frequenta le nostre città, il nostro territorio. Qui la collaborazione dei cittadini, già adesso molto importante, è decisiva. E questo permette di fare accurata prevenzione e, dove e quando necessario, repressione mirata”.

“E aggiungo – ha concluso Bocci – che sempre più va chiesto alle forze dell’ordine di essere determinati e non fare sconti a tutti coloro che permettono ai malintenzionati di mettere le radici nel territorio. Gli affitti? Certo, vanno controllati con la massima attenzione. Come niente sconti agli esercizi commerciali dove si violano le norme e che vengono frequentati da chi è dedito a violare le norme”.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*