Sgominata banda di spacciatori a Perugia

20140510_114129

Dopo giorni di pedinamento ed osservazione dei movimenti illeciti i carabinieri del Nucleo Operativo e Radiomobile della Compagnia di Perugia hanno sgominato una banda di spacciatori, traendo in arresto tre persone straniere.

Gli spacciatori, due uomini entrambi 27enni di origine albanese e una giovane donna 24enne di etnia romena, regolarmente residenti in Italia e con precedenti specifici, avevano pianificato una  vera e propria centrale dello spaccio, utilizzando due appartamenti di cui avevano la disponibilità come laboratori. Nello specifico l’immobile in via Tosca nr. 6 era impiegato come nascondiglio per lo stupefacente già confezionato e preparato per essere ceduto ai clienti, mentre l’abitazione in via Pergolesi serviva per il deposito del contante ricavato dalla vendita dello stupefacente.

Il blitz dei carabinieri è scattato dopo ore di attento monitoraggio dell’attività illecita posta in essere dai tre. Nella circostanza i militari si sono appostati nei pressi di una delle due abitazioni, quella di via Pergolesi, ove insospettiti dal via-vai dei tre, intervenivano  bloccando i malviventi all’uscita di casa.

Alla vista dei carabinieri i tre assumevano un atteggiamento nervoso sicché  gli operanti decidevano di perquisirli immediatamente. Dopodiché veniva eseguita la perquisizione all’interno dell’abitazione, all’esito della quale gli operanti rinvenivano all’interno di un armadio, riposti in vari capi di abbigliamento e avvolti nella pellicola di cellophane, circa 17.000 ( curiosità: la donna per giusticarli s’inventa che sono il regalo di un suo cliente affezionato ) euro suddivisi in banconote da vario taglio, nonché diversi cellulari, utilizzati per contattare sia fornitori che altri spacciatori di più basso livello, e un ulteriore mazzo chiavi.

Alla richiesta di spiegazioni dei militari riguardo quel nuovo mazzo di chiavi i tre giovani non fornivano alcuna spiegazione. Tuttavia grazie alle pregresse attività di osservazione e pedinamento dei tre stranieri, gli operanti riuscivano a risalire ad un altro appartamento che i giovani utilizzavano come nascondiglio e laboratorio per il confezionamento e la preparazione dello stupefacente. Infatti all’esito della successiva perquisizione domiciliare in via Tosca venivano rinvenuti dai militari 14 involucri ben confezionati contenenti lo stupefacente di tipo cocaina, per un peso complessivo di 55 grammi, il materiale per il confezionamento e il taglio della droga, e un bilancino di precisione.

Tutti gli arrestati sono stati tradotti presso il carcere di Capanne a disposizione dell’A.G.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*