PERUGIA, UN CECO E UN MOLDAVO ARRESTATI DALLA POLIZIA

arresti-questuraPERUGIA – Ieri sera le “Volanti” hanno arrestato, in flagranza di reato, due stranieri, un ceco ed un moldavo, rispettivamente di trentuno e trent’anni, per tentato furto aggravato in concorso ai danni di una stireria del centro perugino.

Verso le 22:30, un passante, transitando in via XX Settembre, notava due individui trafficare nei pressi dell’ingresso dell’esercizio commerciale summenzionato e chiamava immediatamente il 113.

In breve sul posto gli agenti notavano immediatamente la porta d’ingresso socchiusa, e facendo irruzione all’interno del locale sorprendevano i due soggetti in questione che rovistavano tra gli abiti lasciati in attesa di stiratura.

Subito bloccati, i due, che risultavano essere A. I. moldavo del 1983 senza fissa dimora in Italia, e S. D. cittadino ceco del 1982 domiciliato a Perugia con a carico alcuni precedenti di polizia per reati contro il patrimonio e contro la persona, venivano sottoposti a perquisizione personale; venivano così rinvenuti addosso a entrambi una torcia tascabile e due paia di guanti in gomma e tessuto ciascuno, mentre il S. D. aveva con sé oltre alla somma di dieci euro, poi risultati sottratti dal fondo cassa, anche le chiavi di una VolksWagen Golf parcheggiata nei pressi della stireria.

Perquisita anche la vettura, i poliziotti rinvenivano e sequestravano svariati arnesi da scasso, tra cui un seghetto per cartongesso, due forbici da elettricista, una pinza, una tenaglia e tre girativi, arnesi utilizzati dapprima per forzare l’ingresso, e poi successivamente riposti nell’auto, verosimilmente per effettuare una breve ricognizione per verificare se qualcuno li avesse notati. Condotti in Questura i due al termine degli adempimenti di rito venivano tratti in arresto per tentato furto aggravato in concorso tra loro, e su disposizione del p.m. di turno venivano ristretti presso le camere di sicurezza in attesa del giudizio direttissimo fissato per la mattinata di domani.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*