Perugia, sgominata banda di ladri di supermercati

Bottiglie sequestrate
Bottiglie sequestrate
Bottiglie sequestrate

(umbriajournal.com) PERUGIA – 250 bottiglie di champagne, vini pregiati, liquori e grappe, il tutto per un valore di circa 10,000 euro: è quanto scoperto e sequestrato nelle ultime ore all’interno di un garage di albanesi, dai Carabinieri di Perugia. I militari, a conclusione di una pregressa attività info-investigativa, hanno sgominato una banda di ladri che negli ultimi mesi aveva messo a segno diversi furti ai danni di supermercati, sia del capoluogo umbro che di quello marchigiano.

Le attività di indagine degli investigatori hanno permesso di risalire agli autori di una serie di furti commessi dal mese di gennaio a quello di marzo. La banda, composta da cinque soggetti tra cui anche una donna, tutti di etnia albanese, agiva in maniera seriale per compiere le azioni delittuose. Le indagini dei Carabinieri, scaturite dalle denunce degli esercenti pubblici, hanno consentito di ricostruire il progetto criminoso dei malviventi che, partendo da Perugia, erano organizzati per colpire, quasi ogni giorno, grandi supermercati in diverse città del Centro Italia.

La refurtiva era costituita da prodotti di maggior valore: bottiglie di champagne, diverse qualità di liquori, di grappe e di vini pregiati; merce che, una volta sottratta, veniva imballata accuratamente all’interno di scatoloni, e, successivamente, spedita tramite corriere nel loro Paese d’origine, dove rifornivano periodicamente un pub di loro proprietà. Con una tecnica collaudata prelevavano dall’interno degli esercizi commerciali bottiglie di liquori e vini pregiati, lamette da barba per un valore di diverse centinaia di euro ogni giorno.

Tuttavia, rimasti incastrati dai sistemi di videosorveglianza presenti all’interno di alcuni supermercati, rimanevano registrate le loro effigie fotografiche, che rendevano inconfutabile la loro identità. Così, i militari hanno indirizzato le loro indagini verso alcuni personaggi noti alle forze dell’ordine per i loro precedenti predatori. Sospetti avvalorati anche dal fatto che tali soggetti si assicuravano un benessere e un tenore di vita inadeguato, considerata la circostanza che non avevano alcuna occupazione lavorativa stabile.

E’ stato così che nel primo pomeriggio di qualche giorno fa, i militari hanno fatto irruzione presso l’abitazione dei malfattori. Una volta entrati, gli investigatori notavano immediatamente come facoltose fossero le condizioni di vita degli stessi, che vivevano in un appartamento nel centro storico perugino riccamente arredato e curato. Gli stessi poi vestivano capi di abbigliamento delle più note firme italiane e straniere. La perquisizione dava esito positivo in quanto veniva rinvenuta la somma contante di 4,000 euro, denaro di provenienza illecita, poiché frutto dell’attività di ricettazione della merce rubata. All’interno di un garage nella loro disponibilità veniva rinvenuta la refurtiva, composta da oltre 250 bottiglie di champagne e di qualità di vini e liquori, il tutto per un valore complessivo di 10,000 euro, merce che sarà interamente restituita ai proprietari.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*