PANICALE, DENUNCIA SOCIALE, DEGRADO ANTICHI LAVATOI

DEGRADO LAVATOI PANICALE
DEGRADO LAVATOI PANICALE
DEGRADO LAVATOI PANICALE

Panicale – È con vero sconcerto che l’associazione culturale Pan Kalòn, che da anni opera nel territorio panicalese per la tutela e la valorizzazione del paesaggio e della cultura, denuncia insieme a molti cittadini l’uso totalmente inappropriato assegnato dall’amministrazione comunale di Panicale agli antichi lavatoi di San Sebastiano, trasformati in locale per inverter dell’impianto fotovoltaico della nuova struttura per anziani. Il suddetto bene segnalato dalla nostra associazione in più di un’occasione come un’opera da restaurare e da restituire alla cittadinanza, rappresenta per tutta la comunità panicalese una testimonianza di vita sociale, di una fitta rete di rapporti intersoggettivi, di economia locale, di saperi e di pratiche tradizionali.

 

I lavatoi in questione, sono una struttura dei primi del ‘900 che ha quindi i 50 anni necessari, previsti dalla legge, per essere considerata un bene culturale di spettanza antropologica: un documento-monumento di importanza immateriale, la cui rilevanza è anch’essa esaltata dalla varie convenzioni Unesco e dal nostro Codice dei Beni Culturali e del Paesaggio. In più è un bene di proprietà comunale e a maggior ragione degno di essere conservato e non smantellato e destinato ad usi impropri. Pan Kalòn chiede quindi all’amministrazione comunale di Panicate l’immediata rimozione dei macchinari all’interno dei lavatoi, il ripristino della situazione originaria e la conseguente tutela possibilmente tramite restauro.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*