Operazione “Albana”: 15 presunti criminali arrestati, indagine droga

L'indagine della Procura di Caltanissetta e dei Carabinieri del ROS

Operazione "Albana": 15 presunti criminali arrestati, indagine droga
Operazione ALBANA

Operazione “Albana”: 15 presunti criminali arrestati, indagine droga

Operazione “Albana” – I Carabinieri del Reparto Operativo Speciale (ROS), in collaborazione con i Comandi Provinciali di Enna, Caltanissetta, Catania e Brescia, hanno eseguito un’operazione su ordine del GIP del Tribunale di Caltanissetta, su richiesta della Procura della Repubblica – Direzione Distrettuale Antimafia. L’operazione, denominata “Albana”, ha portato all’arresto di 15 persone ritenute gravemente indiziate di far parte di un’associazione a delinquere finalizzata alla produzione e al traffico di marijuana e hashish, con l’aggravante della disponibilità di armi.

Tra gli arrestati, tre sono indagati anche per il reato di intestazione fittizia di beni, con l’obiettivo di eludere la normativa sulle misure di prevenzione, mentre uno di loro è accusato di un ulteriore reato legato al possesso illegale di armi e munizioni. Oltre ai 15 arrestati, l’operazione ha visto l’emissione di due decreti di perquisizione in Germania, eseguiti dalla Polizia Criminale di Colonia e dal BKA (Bundeskriminalamt), con la presenza di personale del ROS, nell’ambito di una cooperazione internazionale coordinata da Europol. Queste attività sono state supportate dalla Rete @ON, finanziata dalla Commissione Europea.

L’indagine, condotta dalla Procura della Repubblica di Caltanissetta e dal ROS, rappresenta un’importante tappa nell’incessante impegno di contrasto alla criminalità organizzata e mafiosa nella provincia di Enna. Gli arrestati sono stati destinatari di misure cautelari, con 13 di loro finiti in carcere e 2 agli arresti domiciliari con braccialetto elettronico. Questa vasta operazione dimostra la determinazione delle forze dell’ordine e della magistratura nel combattere il fenomeno del traffico di stupefacenti e della criminalità mafiosa, al fine di garantire la sicurezza e la legalità sul territorio.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*