Muore dopo pugno in faccia, Cristian Salvatori resta in carcere

Muore dopo pugno in faccia, Cristian Salvatori resta in carcere

Muore dopo pugno in faccia, Cristian Salvatori resta in carcere. Cristian Salvatori resta in carcere. Il 32enne che domenica alle prime ore del mattino, fuori da un pub di Norcia avrebbe colpito con un pugno Emanuele Tiberi, morto qualche ora dopo per un’emorragia cerebrale, non si dà pace ed è molto scosso. Il gip Simone Salcerini, al termine dell’interrogatorio di garanzia, ha deciso che Salvatori deve restare in carcere per pericolo di reiterazione di reato. Il giovane arrestato – accusato di omicidio preterintenzionale – ha raccontato la sua versione dei fatti. L’ipotesi che il pugno sia stato sferrato per gioco o per sbaglio resta in piedi. Il 32enne, difeso dai legali David Brunelli e Federico Altieri, ha infatti precedenti per oltraggio e stalking. Sarà comunque l’autopsia, in programma per oggi, a dare una risposta.

Euronews Live

Eventi in Umbria

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*