Morte del 22enne di Bastia, continuano le indagini, la polizia non trova il bastone

 
Chiama o scrivi in redazione


Morte Samuele, visita medica a Patrizia: "Segni sul collo, non solo botte e costole rotte"

Morte del 22enne di Bastia, continuano le indagini, la polizia non trova il bastone

Samuele De Paoli sarebbe quindi morto di arresto cardiocircolatorio in seguito alla stretta al collo di Patrizia, la trans brasiliana, nel tentativo di difendersi che ha compresso il nervo. Samuele, il 22enne di Bastia Umbra, è stato trovato morto nudo all’interno di un fosso a Sant’Andrea della Fratte, in una strada di campagna vicino a via Sandro Penna. Ieri pomeriggio il Bastia Calcio lo ha voluto ricordare con una Santa Messa allo stadio comunale.

L’indagine della procura di Perugia mira a chiarire alcuni punti rimasti oscuri dell’intera vicenda. Al momento non ha ancora disposto il nulla osta per la restituzione della salma su cui venerdì pomeriggio è stata eseguita l’autopsia dal pool di medici-legali nominati dal Procuratore aggiunto, Giuseppe Petrazzini.

“Segni sul collo della vittima compatibili con una mano, quattro dita da una parte e il pollice in opposizione dall’altra”. E’ quanto emerge dai primi risultati dell’autopsia effettuata nella giornata di venerdì scorso. Samuele potrebbe essere morto in seguito alla stretta al collo che gli sarebbe risultata fatale.

I medici legali Sergio Scalise Pantuso e Mauro Bacci hanno riscontrato la lesione del nervo vago, provocata dalla stretta che l’indagata ha ammesso con gli inquirenti. La trans accusata di omicidio preterintenzionale ha detto di essere stata aggredita da Samuele e di essersi solo difesa.

La 43enne oggi o domani avrà una nuova visita medico legale, come disposto dalla Procura, per una serie di ferite riportate. L’indagata – così come scrive la Nazione Umbria di oggi – parla anche di un bastone con cui Samuele l’avrebbe colpita al costato ma dell’oggetto non c’è traccia. Gli uomini del vicequestore Gianluca Boiano mirano a verificare i frame delle telecamere che riprendono la Panda rossa di Samuele, a decifrare il contenuto dei cellulari sequestrati e a ricostruire l’assunzione di cocaina con gli amici, prima dell’incontro con la trans.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*