Morì a Fontivegge per un cazzotto, filmati da visionare

OLYMPUS DIGITAL CAMERAAccadde a Fontivegge nel lontano 2012. Un uomo di 70 anni morì alla stazione per un cazzotto. La vittima era semplicemente in fila per acquistare un biglietto. Dietro di lui l’uomo che, secondo l’Accusa, gli avrebbe stroncato la vita dandogli un pugno o un forte spintone. Secondo quanto raccolto, tra i due sarebbe nata una lite sfociata, trasformata in un atto di violenza.

Oggi, 20 maggio, si è tornati in aula. La difesa ha chiesto il rito abbreviato condizionato dall’espletamento della perizia e della visione dei video che vennero girati in quel momento. Alcuni fotogrammi dovrebbero fare luce su quanto accaduto. Ad accogliere la richiesta, il Gip Carla Giangamboni. Si è, invece, costituita parte civile nel procedimento la moglie e il figlio della vittima, difesi dall’avvocato Secondari.
Ora bisognerà decidere se realmente quel pugno portò alla morte del 70enne o se la vittima era già afflitta da altri problemi di salute.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*