Minaccia moglie con coltello da cucina, in carcere tunisino

coltelloTERNI – Una vita contrassegnata dalla violenza quella del 52enne tunisino arrestato ieri dalla Squadra Volante, arrivata in tempo, su segnalazione dei vicini, per una lite in famiglia. Numerosi i precedenti penali, tra cui anche un arresto per violenza sessuale, per l’operaio disoccupato che ieri sera ha minacciato con un grosso coltello da cucina la moglie e la cognata davanti ai tre figli e ai due nipoti, tutti minorenni.

La Volante è intervenuta dopo le 23:00, su richiesta di alcuni residenti del quartiere San Giovanni che avevano sentito delle grida provenire da un appartamento. Quando sono arrivati, gli agenti hanno trovato l’uomo, che inveiva contro le due donne di cui una ferita, e i 5 bambini terrorizzati. Il tunisino non si è calmato neanche di fronte alla Polizia, cercando di colpire le donne e sputando contro di loro. Alla fine è stato immobilizzato e arrestato.

Dalla ricostruzione dei fatti, è emerso che nella coppia già da tempo c’erano forti dissapori, sfociati in varie denunce da parte della moglie per maltrattamenti, l’ultima è dell’inizio di aprile. Anche la convivenza fra i due era a fasi alterne e ieri sera, mentre era ospite la cognata con i figli, l’uomo è tornato a casa ed ha iniziato a litigare con la moglie, prendendola a pugni. Durante la lite, ha tirato fuori da un cassetto un grosso coltello da cucina, minacciando di morte la moglie e la cognata davanti ai bambini. La cognata è riuscita a strapparglielo di mano e a nasconderlo, proprio mentre arrivava la Volante.

Su disposizione del Pubblico Ministero di turno, Camilla Coraggio, l’uomo è stato portato al carcere di vocabolo Sabbione, dove rimane in attesa dell’udienza di convalida, la moglie, accompagnata al Pronto Soccorso, è stata medicata per le escoriazioni, ne avrà per 5 giorni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*