Marsciano, un arresto e cinque denunce

Terrorismo, Carabinieri Perugia rafforzano vigilanza luoghi turistici e di culto
Controlli

carabinieriCONTROLLInotturni(umbriajournal.com) MARSCIANO – Il Comando Compagnia Carabinieri di Todi, attraverso le proprie articolazioni operative, ha intensificato il controllo del territorio della Media Valle del Tevere, nei giorni che precedono le Festività Pasquali. In tale quadro operativo: i Carabinieri della Stazione di Marsciano hanno arrestato un cinquantenne campano che, a seguito di una condanna definitiva per delitti in materia di sostanze stupefacenti, dovrà scontare una pena di poco più di sette anni di reclusione. L’arrestato, dopo le formalità di rito, è stato tradotto presso la Casa Reclusione di Spoleto; i militari della stessa Stazione CC di Marsciano hanno denunciato in stato di libertà tre giovani del circondario che durante una festa avevano rubato un telefono cellulare ad un coetaneo; i Carabinieri della Stazione di Deruta hanno deferito all’A.G. un trentottenne della provincia di Terni, il quale si rifiutava di sottoporsi agli accertamenti clinici per verificare se si trovava alla guida della propria autovettura sotto l’effetto di droghe; i militari del NORM hanno, invece, denunciato un trentatreenne poiché sorpreso alla guida della sua autovettura sprovvisto della patente di guida, perché revocata; a Todi i Carabinieri del NORM hanno rintracciato quattro pregiudicati residenti in Emilia Romagna che si aggiravano nelle gioiellerie della zona, meditando molto probabilmente di consumare dei furti. Venivano, però, fermati dai Militari che proponevano ed ottenevano nei loro confronti l’emissione della misura di prevenzione del divieto di ritorno nel comune di Todi per anni tre; a Collazzone e Monte Castello di Vibio i Carabinieri delle rispettive Stazioni dell’Arma hanno rintracciato altri tre pregiudicati, nei confronti dei quali è stato proposta ed ottenuta la citata misura di prevenzione dei divieto di ritorno nei Comuni in questione, per tre anni.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*