Incidente a Trevi, donna albanese di 20 ferita, non è grave

Per fortuna, proprio in quel momento, si è trovato a passare di lì Simone Marinelli sanitario del 118 "Macerata soccorso Croce Azzurra porto Recanati" ed ha portato il primo soccorso

Incidente a Trevi, donna albanese di 20 ferita, frattura del bacino
Incidente Trevi Foto Simone Marinelli

Incidente a Trevi, donna albanese di 20 ferita, non è grave

Una donna albanese di 20 anni, madre di tre figli, è rimasta ferita piuttosto seriamente in un incidente stradale avvenuto oggi attorno alle 17 a Trevi. Da quanto è stato possibile apprendere sembra che la signora, che viaggiava a bordo di una Ford station wagon, abbia perso il controllo della vettura. Il mezzo ha finito la sua corsa addosso ad una delle tante piante che ornano il viale trevano (La Passeggiata). Il veicolo, come si vede dalle foto,

Simone Marinelli

Per fortuna, proprio in quel momento, si è trovato a passare di lì Simone Marinelli (nella foto) sanitario del 118 “Macerata soccorso Croce Azzurra porto Recanati”. L’operatore, nel mentre ha avvisato la centrale del 118 – che poco dopo è arrivata con una auto medicalizzata (medico a bordo) – ha prestato il primo soccorso. Da quanto abbiamo capito è stato proprio Simone Marinelli ad estrarre la giovane mamma dalla vettura che si era orrendamente deformata attorno all’albero.

Da quanto riferito dall’operatore del 118 la donna avrebbe riportato la frattura del bacino.

Sul posto, oltre ai sanitari dell’ospedale San Giovanni Battista di Foligno, sono arrivati anche i Carabinieri della compagnia della città del festival al seguito del capitano Zizzi. La signora è stata trasportata immediatamente in ospedale.

Secondo quanto affermato, invece, dall’ufficio stampa del Santa Maria della Misericordia di Perugia (dalla centrale unica partono le disposizioni di invio delle ambulanze), la donna non si sarebbe fatta troppo male, tant’è che, sempre secondo Mario Mariano, sarebbe entrata in codice verde al pronto soccorso. La signora è stata ricoverata alle 16.40.


 

 

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*