Grave operaio telefonia, il palo avrebbe ceduto mentre l’uomo lavorava a 5 metri

Pneumotorace e cranico terapia intensiva prognosi riservata

Pastorelli (Lega) approvazione per progetto fattibilità dell'elisoccorso a Foligno, scelta appropriata per l'intera regione

Grave operaio telefonia, il palo avrebbe ceduto mentre l’uomo lavorava a 5 metri

L’operaio 58enne di Arezzo, rimasto gravemente ferito in incidente sul lavoro avvenuto nella zona di Badia Petroia a Città di Castello, è ricoverato in prognosi riservata all’ospedale Santa Maria della Misericordia di Perugia con traumi molto seri al torace e alla testa. I sanitati gli hanno riscontrato un politrauma, un pneumotorace.

L’incidente alle 12,30 di venerdì  23 luglio. L’uomo stava effettuando lavori di manutenzione su un palo della telefonia quando è caduto. Si tratta di un tecnico che stava lavorando alle dipendenze di una ditta incaricata da Telecom di effettuare manutenzione in un palo della telefonia, palo che, secondo una prima e sommaria ricostruzione, avrebbe ceduto con l’uomo che è precipitato da un’altezza di circa 5 metri.

A dare l’allarme e a chiamare immediatamente i soccorsi un collega che si trovava sul posto. Intervenuti i carabinieri di Città di Castello, i tecnici del servizio prevenzione e sicurezza sul lavoro della Usl 1 che hanno effettuato i rilievi del caso e ricostruito l’esatta dinamica dell’incidente e i sanitari del 118 che hanno prestato i primi soccorsi. Le sue condizioni sono apparse subito gravissime e per soccorrere il tecnico è stato chiamato l’elicottero Icaro che lo ha accompagnato all’ospedale Santa Maria della Misericordia.

 

 
Chiama o scrivi in redazione


Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*