Foligno, ruba in un supermercato, arrestato dai Carabinieri

(umbriajournal.com) FOLIGNO – Un romeno di 38 anni, nullafacente e residente a Foligno, è stato arrestato ieri dai Carabinieri . Il giovane straniero all’interno di un supermercato di un centro commerciale di Foligno veniva identificato dai militari dopo aver rubato e superato la barriera casse con generi alimentari per un valore di € 60.00.

Nel parcheggio del centro commerciale, i Carabinieri ritracciavano l’autovettura dell’arrestato, al cui interno rinvenivano una borsone pieno di altri generi alimentari. E’ bastato qualche riscontro, per scoprire che trattavasi di altra refurtiva asportato dai scaffali di altro supermercato poco distante.

Nel procedere alla perquisizione domiciliare, il giovane romeno ha provato a confondere i militari accompagnandoli nel condominio dove aveva abitato fino a quale mese fa. Qui, davanti la porta di casa e caduto in amnesia, dichiarando di non ricordare dove abitava.

Ovviamente, i Carabinieri avevano intuito le intenzione del giovane e ben presto hanno rintracciato il suo attuale domicilio dove all’interno hanno recuperato refurtiva per un ingente valore proveniente da vari supermercati di Foligno asportata nei precedenti giorni. Tutta le refurtiva per un valore di oltre € 500,00 è stata recuperata e restituita ai responsabili dei negozi, A questo punto, il giovane sai è giustificato con i militari spiegando di non avere denaro e di aver rubato per fame.

Ma, come per l’abitazione, anche questa la tesi ha lasciato qualche dubbio nei Carabinieri considerato che da un supermercato aveva appena rubato una bottiglia di Sagrantino, un limoncello e dei snack al cioccolato, tutti merce non certo classificabile tra beni di prima necessità. In sostanza l’uomo con una sistematica attività fatta di piccoli furti era riuscito a racimolare una cospicua quantità di prodotti alimentari destinati in parte all’uso e parte rivenduti per trarne un ulteriore illecito profitto. Arrestao per furto aggravato continuato il giovane è stato accompagnato agli arresti domiciliari in attesa del giudizio direttissimo.

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*