Abbattuti i tre cinghiali dell’aeroporto di Perugia, ora la pista è in sicurezza | Foto

 
Chiama o scrivi in redazione


Abbattuti i tre cinghiali dell'aeroporto di Perugia, ora la pista è in sicurezza

Abbattuti i tre cinghiali dell’aeroporto di Perugia, ora la pista è in sicurezza

Ora l’aeroporto di San Francesco d’Assisi è in sicurezza. Grazie alle tempestive autorizzazioni rilasciate da parte della ATC Perugia 2 (Ambito Territoriale di Caccia), della Regione Umbria ed Enac sono stati abbattuti e catturati i tre cinghiali che girovagavano liberamente nell’area della pista.



A compiere l’operazione la squadra cinghialisti PSV di Assisi, coordinata dalla guardia venatoria, Federico Franchi, nonché capocaccia della PSV di Assisi.

Leggi anche – Sicurezza stradale animali selvatici, AssoMotoincontro scrive alla Regione

Ricordiamo che la presenza di questi cinghiali aveva creato diversi problemi al decollo ed atterraggio di alcuni aerei tra la serata di venerdì e mattinata di sabato, causando la chiusura della pista.

Leggi anche – Cinghiali e nebbia su pista Perugia, volo Linate dirottato su Roma, passeggeri infuriati

I cinghiali una volta abbattuti sono stati prelevati e portati via dall’aeroporto. Alla cattura hanno partecipato Carlo Pippi, organizzatore e responsabile del procedimento della Sase per l’aeroporto, che ha eseguito tutte le operazioni con le autorizzazioni necessarie, la polizia locale di Assisi, Bastia Umbra e Perugia che ha messo in sicurezza il territorio circostante con la chiusura delle strade nei pressi dell’aeroporto e permettere tutte le operazioni di abbattimento e i bravissimi cani, segugi maremmani, Zumba e Vento, della famiglia Franchi.


2 Commenti

  1. Ammazzare a fucilate degli animali in un luogo intitolato a San Francesco d’Assisi è una cosa rivoltante. Lavoro in un aeroporto, molto più trafficato di Perugia Sant’Egidio, uno dei tre hub intercontinentale italiani. Conosco molto bene, lavorando in torre di controllo, quale pericolo costituiscano gli animali selvatici per gli aeroplani durante le fasi di decollo e di atterraggio. Quindi andavano si portati via dal sedime aeroportuale ma non presi a fucilate bensì catturati vivi. Ora cambiate nome all’aeroporto perché San Francesco vi starà maledicendo. Vergogna.

1 Trackback / Pingback

  1. Abbattuti i tre cinghiali dell’aeroporto di Perugia, ora la pista è in sicurezza - Periodico di informazione e cultura

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*