Viabilità - Martorelli (Pdl) “La Provincia ha una mappatura e un piano per evitare la pericolosità degli alberi lungo la carreggiata?”

<p>post <b>Sellier</b> (UJ.com) PERUGIA - "Il Codice della Strada - afferma in una interrogazione il Consigliere Provinciale del Pdl Michele Martorelli - prevede l'obbligo, da parte dell'Ente proprietario, di una manutenzione costante ed attenta al fine di consentire una percorribilità della stessa in piena sicurezza (art. 14 CdS). Spesso e volentieri la presenza di alberi, o in generale di ostacoli, posti lateralmente alla stessa strada e privi di idonea <b>protezione</b>, è la vera causa di morte in incidenti che altrimenti avrebbero conseguenze diverse. Per questo motivo l'art. 26 del Regolamento Attuativo del Codice della Strada prevede il divieto di impiantare alberi ad una distanza inferiore a m. 6 dal confine con la rete stradale (art. 26 co. 6 DPR 495 / 92). La Corte di Cassazione, chiamata ad esprimersi su di un caso locale che ha investito l'Anas di Foligno, ha ribadito la necessità di un'applicazione retroattiva del principio contenuto nella lettera della norma, dichiarando illegittima la presenza di alberi in un raggio inferiore a 6 metri dalla strada (indipendentemente dal fatto che siano essi pre-esistenti o di nuova piantumazione).</p>
<p> </p>
<p>Indipendentemente dalla questione giuridica sottesa, il problema della pericolosità della presenza di veri e propri ostacoli nei pressi delle carreggiate non può essere sottovalutato e si rende pertanto necessaria una mappatura completa delle situazioni di rischio ed un piano di intervento quanto più immediato possibile, <b>attraverso</b> la collocazione di appositi guardrail, rimozioni di piante ed arbusti, particolare attenzione alla manutenzione stradale". Martorelli vuole quindi sapere dalal Giunta Provinciale: "e l'Ente sia già in possesso di una mappa delle criticità della rete viaria di propria competenza relativamente alla presenza di alberi nel perimetro di 6 metri dalle carreggiate di circolazione e - quale piano di intervento ha previsto circa le specifiche situazioni (rimozione attraverso potatura o re-impianto in altra sede, protezione attraverso guardrail …)".</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*