UMBRIA: PD, SU ADISU MANTENERE BORSE STUDIO E' BATTAGLIA DI CIVILTA'

<p>(UJ.com) PERUGIA - ''Il mantenimento delle borse di studio per gli studenti 'capaci e meritevoli, anche se privi di mezzi', e' una battaglia di civiltà che vuole evitare alle tante famiglie in difficoltà, a partire da quelle che da mesi vivono il dramma della cassa integrazione, l'umiliazione di dover chiedere ai propri figli di rinunciare agli studi per far quadrare il bilancio di casa''. E' il commento<b> di Andrea </b>Smacchi, consigliere del Pd alla Regione Umbria all'audizione in terza commissione di Maurizio Oliviero, amministratore unico dell'Agenzia per il diritto allo studio universitario dell'Umbria. L'incontro era stato chiesto proprio da Smacchi per il quale ''la partita del diritto allo studio non e' secondaria rispetto ad altre, per le decisive implicazioni che ha nei confronti del sistema d'istruzione e delle pari opportunità per tutti di accedervi''.</p>
<p> </p>
<p>''L'Adisu dell'Umbria - ha sottolineato - e' gestita in maniera virtuosa ed e' presa a riferimento nazionale per gli standard di qualità che riesce ad esprimere, come la copertura del 100% delle borse di studio in favore degli studenti idonei. Il silenzio del Governo sulle risorse finanziarie per l'anno in corso e per i prossimi lascia esterrefatti e preoccupati. La Regione - ha aggiunto - deve richiamare il Ministro<b> dell'Istruzione</b>, della Ricerca e dell'Università' al rispetto degli impegni ed essere pronta a sostituirsi, compatibilmente con il proprio bilancio, per ridurre gli effetti negativi in termini di servizi e sostegni. Il mantenimento delle borse di studio per gli universitari - ha concluso - e' parte integrante delle politiche sociali e di sviluppo economico dell'Umbria, non possiamo rinunciarvi''.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*