TURISMO – IL CONSIGLIO PROVINCIALE DISCUTE SULLA SITUAZIONE ATTUALE E LE STRATEGIE FUTURE

<p>(UJ.com) PERUGIA – E’ stato approvato all’unanimità (20 voti favorevoli) l’Ordine del giorno presentato da Luca Baldelli (Prc) sulla situazione del settore turistico. Nel documento il consigliere chiedeva alla giunta provinciale: di prendere quanto prima i dovuti contatti con le associazioni di categorie e con gli addetti dei settori, dichiarando la disponibilità ad ascoltare le loro necessità ed ad elaborare un progetto di ripresa comune; di implementare la politica di promozione turistica <b>territoriale</b> portata avanti fino ad oggi ed ad individuare nuovi canali di investimento, attraverso i quali intervenire sui flussi turistici; di condividere con gli addetti ai lavori e con il Consiglio Provinciale le scelte legate ai grandi eventi e alle manifestazioni di maggior richiamo; di creare presso l'assessorato competente, o presso la Presidenza, un tavolo di monitoraggio permanente effettivo nel quale coinvolgere i rappresentanti del settore sull'andamento del turismo, al fine di evidenziare per tempo le problematiche e suggerire le strategie da seguire.</p>
<p> </p>
<p>“Sono molto soddisfatto dei dati riguardanti il primo semestre del 2010 – ha spiegato Roberto Bertini Assessore al turismo della Provincia di Perugia - che fanno registrare un +6%, come movimento turistico, nella provincia di Perugia. Questi dati dimostrano che se si lavora tutti insieme i risultati arrivano. Il settore turistico ha bisogno di una continua “semina” fatta di iniziative sportive e culturali. La Provincia di recente è stata ad Iseo per il Festival dei Laghi con stand <b>promozionali </b>e di prodotti tipici. Il successo è stato pieno visto che in un giorno e mezzo abbiamo finito tutto il materiale turistico e tutti i prodotti tipici che avevamo messo in mostra. Faremo sempre di più piccole fiere dove siamo protagonisti diminuendo la presenza nelle grandi fiere che sono costose e spesso non ci danno la giusta importanza. Dobbiamo puntare sulle fiere che si trovano in un raggio di 300/350 km perché sono zone in cui in un paio d’ore l’Umbria è raggiungibile”.</p>
<p> </p>
<p>“I dati citati da Bertini – ha affermato Bruno Biagiotti (Pdl) - sono a macchia di leopardo per esempio la zona del Folignate e della Valnerina risultano sofferenti. Quello che ci serve è portare stranieri nel nostro territorio perché rimangono di più. Sono necessarie idee nuove per incrementare il turismo e un <b>confronto </b>anche con la Regione”. Giampiero Rasimeli (Capogruppo Pd) ha proposto un incontro, nelle sedi competenti, con L’assessore Regionale alla Promozione turistica per riuscire a concordare una strategia comune. In fine Michele Martorelli (Pdl) ha segnalato il dato positivo del turismo nel tuderte auspicando una pianificazione delle iniziative su scala provinciale.</p>
<p> </p>
<p> </p>
<p> </p>
<p><b><a href="http://www.umbriajournal.com/MediaCenter/FE/articoli/il-ccr-incontra-leuropa-a-corciano-delegazioni-tur.html" target="_self">- IL CCR INCONTRA L’EUROPA A CORCIANO DELEGAZIONI TURCHE, GRECHE E ITALIANE</a></b></p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*