TERMOVALORIZZAZIONE PIETRAMELINA-LIGNANI MARCHESANI (PDL) “NO ECCESSIVA DISPONIBILITÀ DI UN TERRITORIO”

<p><img style="border: 1px solid black; float: right; margin: 2px;" src="http://www.umbriajournal.com/MediaCenter/API/Risorse/StreamRisorsa.aspx?guid=873539C0-4751-4384-9658-AA76922D3712" border="0" /></p>
<p>(UJ.com) PERUGIA – “Le comunità di Pierantonio e dell'ex tredicesima <b>Circoscrizione del Comune di Perugia</b> hanno già pagato un prezzo alto riguardo alla loro qualità della vita: per anni le comunità sono state prese in giro sulla chiusura della discarica e sul ripristino ambientale. Non si possono considerare le recenti dichiarazioni su una possibile costruzione di un termovalorizzatore a Pietramelina come un semplice parere tecnico, visto il pulpito da cui è stato pronunciato e considerato che nel Piano dei rifiuti vigente, approvato dal centrosinistra, è prevista appunto la costruzione di un impianto di smaltimento nel Comune di Perugia”.</p>
<p>Lo afferma il consigliere regionale <b>Andrea Lignani Marchesani</b> (Pdl), dopo che la Gesenu ha sostenuto l’ipotesi termovalorizzatore indicando proprio la località di Pietramelina quale sito idoneo. “E' bene ricordare – aggiunge Lignani - che costruire un simile impianto a Pietramelina determinerebbe il permanere della presenza in loco di tonnellate di rifiuti e di traffico pesante anche nel caso, a questo punto teorico, di chiusura definitiva della discarica. Ancora una volta si mandano in periferia le conseguenze nefaste di posizioni prese nei palazzi e non democraticamente partecipate.</p>
<p>Non si vuole fare demagogia – prosegue - ed il centrodestra non ha prevenzioni nei confronti di strumenti di smaltimento più evoluti e meno impattanti delle discariche, ma occorre equità e soprattutto tenere fede agli impegni presi nei confronti di queste comunità. Con le nuove tecnologie – conclude - si possono trovare altri luoghi dove si possono coniugare <b>ambiente e sviluppo</b>. Chi ha pagato con decenni di convivenza con le discariche deve poter fruire in via definitiva di una qualità della vita più salubre e più serena”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*