SPORT – DALLA PROVINCIA DI PERUGIA PRESTO RICONOSCIMENTO UFFICIALE ALLA CARRIERA PER SIMONE SANTI

<p>post <b>L. Pioppi </b>UJcom2.0 <b><a title="Scrivi a Luana Pioppi" href="mailto:luanapioppi@alice.it" target="_blank"><span style="color: #006699;">@</span></a> </b>(UJ.com) PERUGIA -  Grande apprezzamento nei riguardi di Simone Santi per aver diretto la finale del campionato del mondo di pallavolo è stato espresso dal Presidente della Provincia di Perugia Marco Vinicio <b>Guasticchi</b>. L’apprezzamento di Guasticchi, espresso direttamente a Santi con telegramma, vuole sottolineare come la scelta dell’arbitro tifernate a dirigere la conclusione mondiale Brasile – Cuba di volley, che ha visto la presenza di 12mila spettatori, dia forte lustro alla regione e alla nostra provincia in particolare. “L’umbro Santi in finale mondiale – afferma Guasticchi – rappresenta un fiore all’occhiello per l’immagine del nostro territorio fuori regione e anche fuori dai confini del nostro Paese. Un ‘in bocca a lupo’ a Santi per la qualità del suo operato”.<br /><br />E un ‘in bocca al lupo’ per la sua carriera viene anche dalla Provincia di Perugia. L’Ente, di sua iniziativa, conferirà a Santi un riconoscimento ufficiale alla carriera  presso il Palasport S. Giustino che vedrà, ancora una volta, ai nastri di partenza del campionato maschile di volley, Serie A 1, la RPA Luigi Bacchi. Saranno presenti per il riconoscimento al valore di questo grande direttore di gara che coniuga in sé qualità e spessore della pallavolo, i rappresentanti della FIPAV – federazione <b>Italiana</b> palla a volo e del settore arbitrale. Simone Santi, 44 anni, giovane tifernate, ha infatti un curriculum di grande qualità. Oltre ad essere stato l’unico arbitro italiano in questi mondiali di pallavolo maschile, ha diretto  a livello internazionale oltre 20 gare di Champions League, una finale di European League e, inoltre, una World Cup, una Gran Champions Cup e la Final Six di World League; mentre a livello italiano 9 finali di scudetto e 2 finali di Coppa Italia.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*