SICUREZZA STRADALE: “INCREDIBILE IL RESOCONTO DEI MORTI DI QUESTA FINE SETTIMANA IN UMBRIA”

<p>(UJ.com) PERUGIA - “E' inutile aderire alle giornate nazionali dedicate alle vittime della strada se poi non si dà seguito ad azioni concrete sul territorio”. Così, in una nota, Maria Rosi (PdL) che esprime “profondo dispiacere e vicinanza alla famiglie delle sette vittime della strada di questo week-end in Umbria. E' incredibile – osserva - che all'inizio di ogni settimana debba essere fatto il resoconto sui <b>giornali</b> dei morti, nel fine settimana, sulle strade umbre”. Per Rosi, un elemento fondamentale è rappresentato dalla prevenzione che potrebbe partire da una più approfondita conoscenza delle nuove norme del codice della strada. Per questo, - aggiunge – vanno promossi, già dalle scuole medie, appositi corsi pomeridiani di educazione stradale a cui dovrebbero essere chiamati a partecipare anche i genitori”.</p>
<p> </p>
<p>Rosi propone anche “il potenziamento delle linee dei mezzi pubblici, soprattutto per quanto riguarda gli orari notturni. Si tratta di venire incontro soprattutto alle esigenze dei giovani. Come pure – aggiunge – è necessario rendere più accessibile il servizio dei taxi che rappresenta una reale e sicura alternativa per la mobilità”. Maria Rosi, “per studiare in maniera più approfondita” la <b> situazione</b> della sicurezza stradale, propone “l'istituzione di un Tavolo regionale di concertazione che, avvalendosi soprattutto di tecnici preparati in materia, possa studiare a fondo la situazione regionale”. L'esponente del PdL, in conclusione, annuncia la presentazione di una interrogazione per chiedere alla Giunta regionale in quale modo vorrà intervenire per arginare questo fenomeno. In conclusione, Rosi fa sapere che inviterà a Perugia l'onorevole Mario Valducci “tra gli ideatori del nuovo codice della strada. E' assolutamente importante – conclude -parlare di prevenzione, ma è arrivato il momento di trovare le soluzioni più idonee per risolvere il problema”.</p>
<p> </p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*