SCUOLA: GIUNTA, 300MILA EURO PER PRECARI E SOSTEGNO SERVIZI

<p>(UJ.com) PERUGIA - Garantire opportunita' di lavoro per i precari della scuola, senza incarico a seguito dei tagli imposti dal Governo nazionale, attraverso il sostegno ai progetti delle istituzioni scolastiche per il potenziamento dell'offerta di istruzione. Questo l'obiettivo dell'avviso pubblico, approvato dalla Giunta Regionale dell'Umbria, su proposta della vicepresidente e assessore all'Istruzione Carla Casciari, che prevede uno stanziamento di 300mila euro per ''interventi finalizzati all'integrazione e al potenziamento del sistema dei servizi di istruzione'' nell'anno scolastico 2010-2011''. ''Nonostante la carenza di fondi causata dalla drastica riduzione dei <b>trasferimenti</b> statali - ha sottolineato l'assessore - abbiamo voluto riservare un'attenzione particolare a quanti operano nel mondo della scuola e sono rimasti senza lavoro per gli effetti dei tagli della ''riforma Gelmini'. Il personale precario dovra' essere prioritariamente coinvolto nei progetti che vogliamo sostenere per promuovere e valorizzare l'innovazione didattica e migliorare il livello qualitativo del sistema educativo di istruzione in Umbria. Aiuteremo, pertanto, quelle scuole che, impiegando precari, intendano attuare progetti innovativi e di eccellenza per qualificare le loro attivita' didattiche, anche attraverso programmi specifici di recupero dell'abbandono scolastico''.<br /></p>
<p>''La Giunta regionale - ha detto ancora Casciari - ha per questo stabilito di stanziare ulteriori risorse destinate a nuovi progetti, proseguendo cosi' nell'azione gia' realizzata lo scorso anno che ha permesso di finanziare i progetti di 132 scuole''. All'avviso pubblico approvato dalla Giunta Regionale, che sara' pubblicato sul Bollettino ufficiale della Regione Umbria, potranno rispondere gli istituti di ogni ordine e grado dell'Umbria, nel rispetto della loro autonomia didattica e gestionale, che saranno promotori di ''attivita' di carattere sperimentale, integrative e aggiuntive degli insegnamenti <b>curriculari</b> per garantire il successo scolastico e, in generale, favorire la coesione sociale del territorio e innalzare la qualita' del sistema educativo umbro'' e che si impegneranno ad utilizzare personale a cui non e' stato rinnovato l'incarico annuale dalla Direzione Scolastica Regionale. Gli ambiti di intervento previsti vanno dalla promozione dell'orientamento scolastico, all'integrazione scolastica degli allievi stranieri, dalla valorizzazione e la diffusione delle diverse forme di alternanza scuola-lavoro, all'inserimento e l'accompagnamento degli studenti con disabilita' e a rischio di marginalita' sociale.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*