SANITÀ: “NOMINA NUOVO PRIMARIO DEL REPARTO DI CHIRURGIA PRESSO L’OSPEDALE DI UMBERTIDE” - MONACELLI (UDC)

<p>post <span style="color: #000000;"><b>C. Pappone</b></span> <a target="_blank" title="Scrivi a Cristina Pappone" href="mailto: papponecristina@gmail.com">@</a> (UJ.com) PERUGIA - “Quali le ragioni della nomina di un nuovo primario del reparto chirurgia presso l'ospedale di Umbertide che, oltre ad apparire un doppione dirigenziale di altre strutture collocate a breve distanza, determina la necessità di un un più adeguato inquadramento del futuro degli stabilimenti ospedalieri della ASL n.1”. Lo chiede, attraverso una interrogazione (Question time) alla presidente della Giunta regionale, Catiuscia Marini, il capogruppo dell'Udc, Sandra Monacelli. “Nel Piano sanitario regionale 2009-2011 – ricorda l'esponente <b>centrista </b>- si parla ampiamente di processi di razionalizzazione ed accorpamento, nell'ottica del raggiungimento di un necessario risparmio che non vada a scapito di un abbassamento della qualità del Servizio sanitario regionale.</p>
<p> </p>
<p>Nel corso degli ultimi anni – continua - la Regione Umbria ha notevolmente investito nella realizzazione di nuovi ospedali, che avrebbero dovuto disegnare la geografia di una ben definita razionalizzazione delle risorse economiche e professionali, oltre che delle strutture sanitarie umbre. Nei giorni scorsi – osserva Monacelli nel suo atto <b>ispettivo </b>- si è proceduto alla nomina del Dott. Marino Cordellini a primario di Chirurgia presso l'ospedale di Umbertide. Dalla documentazione acquisita nel corso dell'audizione del Collegio dei revisori dei conti della ASL n.1, svolta l'otto novembre scorso presso il Comitato per il monitoraggio e la vigilanza sull'<b>amministrazione </b>regionale, - fa notare il capogruppo Udc - si evince che i costi per stabilimento ospedaliero del 2008 e 2009, riferiti all'assistenza erogata al loro interno, sono così ripartiti: Umbertide 8milioni 214mila 545 euro nel 2008 e 8milioni 882mila 699 euro nel 2009; Città di Castello 46milioni114mila 455 euro nel 2008 e 49milioni 710mila 301 euro nel 2009; Alto Chiascio 39milioni 579mila euro nel 2008 e 38milioni <b>892mila</b> euro nel 2009”. “Nella logica di razionalizzazione ed accorpamento, - conclude Monacelli - di cui al Piano sanitario regionale sopra citato, non si comprende la ragione per cui una nomina dirigenziale di tale livello sia stata effettuata presso l'ospedale di Umbertide, che dista pochi chilometri dai nuovi ospedali di Città di Castello e Branca (Alto Chiascio)”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*