SANITA’ - LIGNANI MARCHESANI (PDL): “SERI RISCHI CHE IL SERVIZIO 118 DELL’ASL 1 SIA AFFIDATO A COOPERATIVE DI FUORI REGIONE”

<p>post <b>M. Zingales</b> UJcom2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><b>@</b></a> (UJ.com) PERUGIA – “Il prossimo 8 novembre si apriranno le buste per la gara d’appalto del 118 della ASL1: i rischi che vincitori risultino cooperative provenienti dal Meridione d’Italia, con scarsa conoscenza del territorio e con soci lavoratori sotto pagati rispetto ai contratti in essere in Croce Rossa (attuale gestore del servizio), è assolutamente concreto”. Lo afferma il <b>consigliere</b> regionale Andrea Lignani Marchesani (Pdl), secondo il quale “la complessità del bando e il sopraggiungere di sentenze amministrative nazionali hanno messo in seria difficoltà le realtà territoriali della Croce Rossa e della pubblica assistenza tifernate e, di fatto, la contesa è attualmente tra una pubblica assistenza di provenienza campana ed una cooperativa proveniente dalla stessa regione: la prima comunque garantirebbe la forza lavoro locale oggi in forza alla Croce Rossa con contratti di lavoro subordinato, la seconda, nel migliore dei casi, ridimensionerebbe il potere d’acquisto e la motivazione del personale oggi in servizio o, addirittura, ne potrebbe prevedere la sostituzione parziale o totale.</p>
<p> </p>
<p>Di fatto, però, l’incognita rimasta oggi è esclusivamente l’offerta economica e conseguentemente il massimo ribasso è certamente più alla portata di una cooperativa piuttosto che di un’associazione”. “A prescindere dai meriti dei partecipanti e da questa contingenza – prosegue Lignani - si <b>dovrebbe</b> però riflettere perché, dopo la zootecnia e l’edilizia, anche nei servizi sanitari l’Umbria diventi meta di colonizzazione da parte di regioni che, almeno a casa loro, non brillano certo per il livello dei servizi. È legittimo, in questa situazione, domandarsi se il bando avesse potuto privilegiare maggiormente aspetti qualitativi rispetto a quelli meramente economici e soprattutto se le istituzioni, Comune e Regione in testa, abbiano interagito con la dirigenza della Asl riguardo potenziali conseguenze di involuzione del servizio”.</p>
<p> </p>
<p>“La legge e la trasparenza delle gare – conclude - vanno ovviamente rispettate, ma si deve chiarire, tanto più oggi, il margine di flessibilità sui parametri del bando e se detta gara abbia messo tutti i concorrenti in grado di poter competere riguardo tempistica, documentazione e dotazioni offerte. Una verifica <b>tanto</b> più doverosa, che riguarda anche lo stato della normativa regionale sull’accreditamento anche di questi servizi di territorio e una sua potenziale evoluzione e che non deve precludersi, se ne ricorressero gli estremi, nemmeno l’estrema ratio dell’annullamento della gara, perché in ballo c’è la salute dei cittadini ed il livello dei servizi di un intero territorio”.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*