MORTO AST TERNI - PM CHIEDE PROCESSO PER SEI DIRIGENTI

<p>(UJ.com) TERNI - E' stato chiesto il rinvio a giudizio dalla procura della Repubblica di Terni di sei tra dirigenti e impiegati di Tk-Ast per l'incidente sul lavoro, nel quale morì Diego Bianchina l'operaio di 31 anni. L'incidente <b>avenne</b> il primo dicembre del 2009 nello stabilimento di Terni.</p>
<p>Tra loro anche il rappresentante legale dell'azienda, Edwin Eichler, accusato di non aver provveduto ad assicurare il rispetto delle norme antinfortunistiche all'interno degli stabilimenti. Una condotta che gli è stata <b>contestata </b>dal pm Barbara Mazzullo in base alle norme sulla responsabilità amministrativa delle imprese per reati commessi da amministratori, manager o dipendenti.</p>
<p>Tra le altre cinque persone per le quali è stato chiesto il rinvio a giudizio per omicidio colposo, ci sono dirigenti e impiegati intermedi dello stabilimento. Ad uccidere l'operaio sarebbero state delle esalazioni scaturite dal <b>contatto</b> dell'acido cloridrico con del sale sodio solfidrato contenuto accidentalmente in un contenitore che non sarebbe stato pulito a dovere.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*