L’UMBRIA CONQUISTA LE GRANDI PROVINCE CON I SAPORI E LA CULTURA DEL “MESE DEL GUSTO”

<p>post <b>M. Zingales</b> UJcom2.0 <a target="_blank" title="Scrivi a Morena Zingales" href="mailto:morenazingales@gmail.com"><b>@</b></a> (UJ.com) PERUGIA - Sarà un novembre ricco di eventi e di proposte, che hanno riscosso un notevole successo tanto in Veneto quanto in Emilia Romagna. Mercoledì 27 ottobre presso la Camera di Commercio di Verona e giovedì 28 presso il Regency Savoia Hotel di Bologna, l’Umbria ha fatto centro: oltre novanta tour operator si sono confrontati con trenta <b>operatori </b>dell’offerta umbra. “Sono cifre – commenta il Commissario straordinario dell’Agenzia di promozione turistica umbra Stefano Cimicchi – che avvalorano la nostra strategia sulle grandi regioni e sulle grandi province che punta, oltrepassando le metropoli, ai grandi bacini di utenza”.</p>
<p> </p>
<p>Un metodo adottato anche per nord America e nord Europa che consente un confronto diretto tra gli operatori della domanda e della offerta del turismo che sembra congeniale alle caratteristiche della nostra regione. Il Mese del gusto, quindi, come opportunità di vivere “l’esperienza” Umbria: grandi e piccoli eventi <b>enogatronomici </b>che arricchiscono l’offerta culturale delle quattro mostre nazionali – le tre sul Pianeta che cambia in collaborazione con il museo di Storia Naturale di New York e il Teatro del Sogno, da Chagall a Fellini -. La qualità e l’eccellenza dei prodotti ha parlato di una terra che difende e valorizza la ricchezza del suo ambiente, la qualità della vita in campagna e nelle città, il “buon vivere” dei suoi abitanti, che è quanto di meglio si può offrire ai visitatori.</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*