LAVORO - SOTTO LA RAI LA PROTESTA DEL COORDINAMENTO PRECARI SCUOLA E DI ONDA PERUGIA

<p>A cura di <b>Anna Adamolo</b>, a nome di Onda Perugia (UJ.com) PERUGIA  – Un centinaio di persone, in rappresentanza del Coordinamento Precari della Scuola (CPS), di Onda Perugia e del Coordinamento Viva la Scuola Pubblica hanno tenuto un presidio sotto la RAI di Perugia per esprimere la loro opposizione verso le riforme di scuola e università pubblica prodotte dal duo Tremonti - Gelmini. La scelta della sede RAI come punto di ritrovo non è stata casuale: i manifestanti richiedevano una maggiore e più corretta visibilità mediatica alla loro protesta. Infatti, la distruzione della scuola e dell’università pubbliche e, con esse, del diritto allo studio garantito per tutt* non sembra costituire un problema o una tematica degna d'attenzione e di approfondimento per i media (anche per quelli che rivendicano quotidianamente di essere liberi).</p>
<p>I pochi servizi televisivi e i pochi articoli giornalistici a riguardo sono poi permeati da ignoranza della materia e da becero allineamento alla propaganda del governo che fa passare come innovative una serie di (contro)riforme a costo zero che hanno come unico obiettivo l’aziendalizzazione e la svendita ai privati dell’istruzione pubblica. Certo, quanto a ignoranza in materia, i media hanno un modello nella nostra ministra dell’Istruzione, poco noto avvocato del bresciano fino a qualche tempo fa ed ora “arbitro in terra del bene e del male”. Ma questa non vale come giustificazione.</p>
<p>Anzi… Sotto una leggera pioggia, rappresentanti dell’università e della scuola pubbliche hanno esposto le loro rivendicazioni, diverse nei contenuti specifici, ma accomunate dalle medesime richieste generali: servono più finanziamenti e non riforme a costo zero; serve una migliore distribuzione dei soldi e maggiore trasparenza nella loro gestione; tutti i soggetti che studiano per la loro formazione o lavorano nel campo dell’istruzione (e non solo) hanno diritto ad essere meno ricattabili e meno esistenzialmente precari. I manifestanti hanno poi deciso di portare a conoscenza della città le loro rivendicazioni e, tra le ire dei servi digossini di turno, hanno bloccato il traffico in viale Indipendenza per una decina di minuti. La fine dell'istruzione intesa come bene comune e la reintroduzione di un sistema formativo classista determinerà a lungo termine mutazioni profonde dell'intero tessuto sociale.</p>
<p>Preoccupati per il blocco, i vertici RAI Umbria hanno a questo punto acconsentito a ricevere una delegazione di manifestanti che ha strappato loro la promessa di una futura intervista da mandare in onda. L’importanza della manifestazione è da ricercarsi nella trovata unità tra docenti di ruolo e precari della scuola, da un lato, e studenti e precari dell'università, dall’altro. L’attacco portato dal governo all’istruzione pubblica ha, infatti, una stessa matrice e gli stessi obiettivi: cancellare dal bilancio dello stato le voci ‘scuola’ e ‘università’ e approfittare della crisi per ristrutturare il sistema formativo, espellendone totalmente le parole ‘democrazia’, ‘partecipazione’, ‘diritto allo studio’.</p>
<p>Onda e Precari della Scuola continueranno a far sentire la loro voce ovunque per reclamare una scuola e un'università gestite dal basso, gestite da chi le fa vivere e non da chi le vede solo come bacino elettorale o come un limone da spremere in tempi di crisi o, peggio, da chi le vede solo come fabbrica di produzione cognitivo immateriale da usare per i propri fini.— Secondo la Uil quest'anno ci sono 110.000 posti per i docenti e 60.000 per il personale Ata ma 16.500 insegnanti e 7.000 ausiliari resteranno senza un lavoro. A Milano alcuni precari si sono incatenati davanti all'Ufficio Scolastico Provinciale, per protestare contro i tagli, dichiarando che andranno avanti fino al "ritiro dei tagli". La protesta è stata lanciata dalla sezione milanese del "Coordinamento lavoratori della scuola 3 ottobre". E le proteste continuano in tutta Italia.</p>
<p>L'Unione degli Studenti ha espresso "solidarietà agli insegnanti precari che in questi giorni sono in presidio davanti gli Uffici Scolastici Regionali per chiedere il ritiro dei tagli alla scuola". L'UdS già dallo scorso hanno ha denunciato "questa politica di tagli del governo che distrugge la scuola pubblica, le vite di tanti lavoratori e peggiora notevolmente la qualità della didattica nelle nostre scuole" e si augura "che i prossimi mesi autunnali possano vedere delle mobilitazioni comuni tra studenti e lavoratori della scuola per contrastare l'idea di scuola del Governo e costruire una concreta alternativa".</p>

Commenta per primo

Lascia un commento

L'indirizzo email non sarà pubblicato.


*